9 giugno 2010 / 11:42 / 7 anni fa

PUNTO 1 - Berlusconi: cambiare art. 41 Costituzione, è datata

(Aggiunge altre dichiarazioni)

di Francesca Piscioneri

ROMA, 9 giugno (Reuters) - Silvio Berlusconi promette l‘approvazione dello statuto delle imprese entro l‘autunno e pensa alla modifica dell‘articolo 41 della Costituzione - “datata” in materia di lavoro e impresa - per garantire maggiore libertà in economia.

Gli annunci del premier arrivano in occasione della assemblea di Confartigiato di stamani.

“Sono due i progetti ai quali lavoriamo: lo statuto delle imprese, che è già depositato alla Camera e la proposta del ministro [dell‘Economia, Giulio] Tremonti di sospendere per 2-3 anni tutte le autorizzazioni richieste per aprire le attività. Pensiamo a una legge ordinaria e a riscrivere l‘articolo 41 della Costituzione che [in materia di lavoro e impresa] è datata”, ha detto Berlusconi lamentando la matrice “catto-comunista” di questa parte della Carta che “parla molto di lavoratori e quasi mai di impresa e mercato”.

L‘articolo 41 della Costituzione afferma: “L‘iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l‘utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana. La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l‘attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali”.

PER GOVERNO E PARLAMENTO FARE LE LEGGI E’ UN INFERNO

“Cari colleghi, voi dovete sapere che vista da fuori, l‘attività del governo e del Parlamento nel fare le leggi è una cosa, vista da dentro è un inferno. Non è che manchino le buone intenzioni o gli ottimi progetti, è che abbiamo una architettura istituzionale che rende difficilissimo trasformare questi progetti in leggi compiute, concrete e operanti”, ha detto Berlusconi aprendo il suo intervento.

“I tempi sono incredibili e sono i tempi che poi vedete nella burocrazia, nella giustizia civile, nella giustizia penale, in tutto ciò che attiene allo Stato che si è sviluppato in una maniera eccessiva, prendendo a tutti noi cittadini il 50% di ciò che produciamo e dà in termini di servizi molto meno di quanto ci si aspetti”, ha aggiunto.

PROMESSA: ENTRO AUTUNNO STATUTO IMPRESE DIVENTERA’ LEGGE

Berlusconi, parlando di “rivoluzione nel rapporto fra Stato e impresa”, ha detto che lo statuto delle imprese, finalizzato a “riconoscere finalmente diritti agli imprenditori che finora hanno avuto solo doveri”, diventerà legge “entro l‘autunno”.

Poi altri impegni assunti davanti alla platea di artigiani: “Vi prometto entro questo mese l‘approvazione di un decreto del ministro dell‘Ambiente per il sistri [il sistema di controllo per la tracciabilità dei rifiuti] con una riduzione del 70% degli oneri burocratici ed economici; domani approveremo il regolamento per lo sportello unico dell‘attività produttiva. Vogliamo arrivare a un sistema per cui non si debbano chiedere più permessi di autorizzazione alle licenze che sono per me una richiesta da stato totalitario”.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below