Berlusconi: cambiare articolo 41 della Costituzione, è datato

mercoledì 9 giugno 2010 13:05
 

ROMA, 9 giugno (Reuters) - Silvio Berlusconi promette l'approvazione dello statuto delle imprese entro l'autunno e pensa alla modifica dell'articolo 41 della Costituzione - "datata" in materia di lavoro e impresa - per garantire maggiore libertà in economia.

Gli annunci del premier arrivano in occasione della assemblea di Confartigiato di stamani.

"Sono due i progetti ai quali lavoriamo: lo statuto delle imprese, che è già depositato alla Camera e la proposta del ministro [dell'Economia, Giulio] Tremonti di sospendere per 2-3 anni tutte le autorizzazioni richieste per aprire le attività. Pensiamo a una legge ordinaria e a riscrivere l'articolo 41 della Costituzione che [in materia di lavoro e impresa] è datata", ha detto Berlusconi lamentando la matrice "catto-comunista" di questa parte della Carta.

Berlusconi, parlando di "rivoluzione nel rapporto fra Stato e impresa", ha detto che lo statuto dlele imprese, finalizzato a "riconoscere finalmente diritti agli imprenditori che finora hanno avuto solo doveri", diventerà legge "entro l'autunno".

Poi altri impegni assunti davanti alla platea di artigiani: "Vi prometto entro questo mese l'approvazione di un decreto del ministro dell'Ambiente per il sistri [il sistema di controllo per la traccibilità dei rifiuti] con una riduzione del 70% degli oneri burocratici ed economici; domani approveremo il regolamento per lo sportello unico dell'attività produttiva. Vogliamo arrivare a un sistema per cui non si debbano chiedere più permessi di autorizzazione alle licenze che sono per me una richiesta da stato totalitario".