PUNTO 1 - Zona euro, accordo tecnico funzionamento veicolo aiuti

venerdì 4 giugno 2010 16:58
 

(aggiunge in coda dettagli su partecipazione Bei)

BRUXELLES, 4 giugno (Reuters) - Hanno raggiunto un accordo gli esperti impegnati a definire le modalità tecniche di funzionamento del veicolo che potrà indebitarsi fino a 440 miliardi euro con la garanzia dei membri della zona euro per aiutare i paesi in difficoltà.

Lo riferiscono alcune fonti, precisando che l'accordo verrà sottoposto all'approvazione dei ministri delle Finanze della zona euro che si riuniscono lunedì a Lussemburgo. "Abbiamo un accordo ma tutte le modalità tecniche hanno ora bisogno del benestare dei ministri", ha detto una fonte europea vicina alle trattative.

Fonti sottolineano che il veicolo - che si indebiterà con le garanzie di tutti e 16 i membri dell'euro - punterà a un rating 'AAA', come voluto dai ministri dell'Eurogruppo, ma c'è un accordo di massima sul fatto che possa anche ottenere un rating inferiore.

"L'Eurogruppo ha stabilito che il livello di 'AAA' è quello cui bisogna puntare", dice una fonte.

Come desiderato da Parigi, il veicolo non avrà bisogno di ricorrere all'approvazione dei singoli parlamenti nazionali ogni volta che dovrà erogare aiuto, secondo le fonti.

"Per quanto ne so io gli stati membri non dovranno rivolgersi ai parlamenti nazionali. Gli esborsi verranno decisi da un gruppo di lavoro dell'Eurogruppo".

La Banca europea per gli investimenti (Bei) agirà come agente per il veicolo dal momento che ha già l'esperienza necessaria per finanziarsi sui mercati utilizzando il suo status di istituzione europea partecipata dagli Stati membri.

Una volta raccolti i fondi sui mercati l'Spv li presterà al paese in difficoltà, aggiugendo un mark up che dovrebbe rendere le condizioni finanziarie del prestito comparabili con quelle dettate dal Fondo monetario per la Grecia, riferisce una fonte della zona euro.