May 24, 2010 / 8:16 PM / 7 years ago

SCHEDA - Manovra, abolizione Ice e Isae, nuova Protezione civile

5 IN. DI LETTURA

ROMA, 24 maggio (Reuters) - La manovra 2011-12 che il consiglio dei ministri esaminerà domani sera prevede la soppressione di numerosi enti ed una ridefinizione di competenze per la protezione civile.

E' quanto si legge nel documento del Tesoro che il ministro dell'Economia Giulio Tremonti ha illustrato questa sera alla riunione della Consulta economica del Pdl e del quale la Reuters è in possesso.

Ecco il dettaglio delle voci contenute nel documento a riguardo:

* Soppressione ed incorporazione di enti ed organismi pubblici; riduzione dei contributi a favore di enti:

- soppressione Ipsema ed IspesL con trasferimento delle funzioni e dotazioni organiche all'Inail;

- soppressione dell'Ipost con trasferimento funzioni e dotazioni organiche all'Inps;

- soppressione dell'Isae con trasferimento di funzioni e relative risorse al Tesoro e all'Istat per ricercatori e tecnologi;

- soppressione Ente italiano montagna con trasferimento funzioni al Dipartimento per gli affari regionali della medesima Presidenza;

- soppressione dell'Ice con trasferimento funzioni a rispettivamente, al ministero degli Affari esteri (rete all'estero) e al ministero per lo Sviluppo (sede centrale);

- soppressione e accorpamento di altri enti accorpati ai rispettivi Ministeri vigilanti o ad altri grandi enti di ricerca;

- enti che non hanno risposto alle richieste di informazione inviate nei mesi scorsi per conoscere come tali soggetti (enti, istituti, fondazioni e altri organismi) abbiano utilizzato i finanziamenti a carico del bilancio dello Stato: soppressione del finanziamento pubblico; creazione di un unico fondo, di importo inferiore, solo per sopperire a situazioni di comprovata necessità;

- soppressioni delle Commissioni mediche di verifica ad eccezione di quelle presenti nei capoluoghi di regione e nelle Province a speciale autonomia, che subentrano nelle competenze delle Commissioni soppresse.

* Protezione civile:

- Opcm (Operazioni protezione civile) limitate ai soli casi che devono essere fronteggiati con mezzi e poteri straordinari e tali da determinare situazioni di grave rischio per l'integrità della vita, dei beni, degli insediamenti e dell'ambiente (con esclusione dei grandi eventi);

- durata emergenze: la durata degli stati di emergenza è correlata ai tempi necessari per la realizzazione dei primi indispensabili interventi;

- concerto Mef su Opcm per garantire adeguata copertura finanziaria;

- limitazione alla possibilità di deroga alla normativa sugli appalti alle sole ipotesi di assoluta eccezionalità;

- dell'emergenza, da valutarsi in relazione al grave rischio di compromissione dell'integrità della vita umana. Si prevede in ogni caso la trasmissione all'Autorità vigilanza lavori pubblici;

- divieto di girofondi, salvo che non siano espressamente autorizzati da norma di legge, allo scopo di garantire la trasparenza dei flussi finanziari e della rendicontazione;

- limitazione potere di deroga in materia di pubblico impiego con riguardo a disposizioni contrattuali o provvedimenti amministrativi di autorizzazione ai trattamenti economici accessori del personale, nonché ad istituti retributivi oggetto di interventi di contenimento della spesa per il personale del Pubblico Impiego;

- sottoposizione delle Opcm al controllo preventivo della Corte dei conti;

- secretazione: per limitare e meglio disciplinare il ricorso alla secretazione, possibilità per i dirigenti generali di adottare provvedimenti motivati con cui dichiarano le opere, servizi e forniture da considerarsi "segreti", oppure "eseguibili con speciali misure di sicurezza";

- liquidazione delle competenze degli avvocati dello Stato. Nei casi in cui le Amministrazioni non siano rimaste soccombenti, oggi l'Erario liquida ugualmente all'avvocatura generale la metà delle competenze di avvocato e di procuratore, calcolate applicando le tariffe professionali che si sarebbero liquidate nei confronti del soccombente. Si dispone la riduzione di tali compensi in misura stabilita annualmente dal Presidente del Consiglio, comunque in misura non inferiore al 10%;

- possibilità di utilizzo per il finanziamento della partecipazione italiana alle missioni internazionali di pace delle somme relative ai rimborsi corrisposti dall'Organizzazione delle Nazioni Unite, quale corrispettivo di prestazioni rese dalle Forze armate italiane nell'ambito delle operazioni internazionali di pace;

- si proroga il divieto di aggiornamento di indennità e compensi.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below