rptPUNTO 1-Consob non segue per ora Germania su vendite scoperto

mercoledì 19 maggio 2010 15:30
 

(aggiunge altri commenti da nota, contesto)

ROMA, 19 maggio (Reuters) - La Commissione nazionale per le società e la Borsa (Consob) non seguirà per ora la decisione della controparte tedesca di bloccare le vendite allo scoperto nude ma segue la situazione "minuto per minuto in stretto contatto anche con le altre autorità di vigilanza europee".

Una nota pubblicata sul sito www.consob.it aggiunge che "eventuali nuove risoluzioni saranno tempestivamente rese note al mercato".

Ieri sera il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble ha annunciato a sorpresa la reintroduzione del divieto di vendite allo scoperto nude, fino al 31 maggio 2011, dei titoli di Stato della zona euro, i credit default swaps (Cds) su questi titoli e le azioni delle prime 10 istituzioni finanziarie del Paese.

Le vendite allo scoperto sono scommesse sul futuro calo del valore di un titolo. Le vendite "nude" allo scoperto si hanno quando un trader vende uno strumento finanziario senza prima prenderlo a prestito o assicurarsi che si possa prendere a prestito, come si farebbe nelle vendite allo scoperto in senso proprio.

La decisione di Berlino, che ha indebolito l'euro e le principali borse europee, è stata criticata sia dalla Francia che dalla Commissione Ue per non essere stata concordata con gli altri partner europei.

La questione potrebbe essere affrontata nell'Ecofin previsto per venerdì.

Consob ribadisce "la sua ferma determinazione ad esercitare a pieno i propri poteri di vigilanza, per assicurare l'ordinato svolgimento delle negoziazioni nell'ambito del quadro regolamentare attualmente in vigore e per contrastare comportamenti anomali ed eventuali abusi".

L'Autorità dice inoltre di tenere "sotto quotidiano controllo, fra l'altro, l'osservanza dell'obbligo di consegna dei titoli entro tre giorni dalla transazione (la cosiddetta regola "T+3"), che produce effetti sostanzialmente analoghi al divieto delle vendite allo scoperto nude".