20 maggio 2010 / 10:29 / 7 anni fa

RPT-Monetario disteso seduta interlocutoria,liquidità abbondante

Rettifica dato depositi overnight

MILANO, 20 maggio (Reuters) - Mercato monetario disteso in una seduta che gli operatori definiscono interlocutoria, priva di indicazioni capaci di modificare il copione osservato negli ultimi mesi.

"La liquidità è come sempre abbondante e oggi non ci sono aste, operazioni di rifinanziamento o indicazioni dalla Bce che possano muovere il mercato" spiega un tesoriere, che stima un eccesso di fondi nel sistema di circa 400 miliardi di euro.

"Aspettiamo la conferenza stampa da Berlino, potrebbe emergere qualche aspetto che ancora non conosciamo" aggiunge.

È in corso oggi nella capitale tedesca la conferenza internazionale sulla supervisione dei mercati finanziari, durante la quale il cancelliere Angela Merkel ha chiesto ai partner uno sforzo congiunto per coordinare la exit strategy nella zona euro, ribadebdo inoltre la necessità di regolamentazione in futuro di tutti i mercati finanziari. Affermazioni giunte all'indomani della decisione unilaterale tedesca di vietare il trading allo scoperto sui governativi europei e i relativi cds, che molta sorpresa e diversi malumori ha suscitato a livello europeo.

L'abbondante liquidità si traduce in un flusso sempre sostenuto di depositi dalle banche verso la Bce a fine giornata. Ammontavano ieri sera a quasi 249 miliardi di euro dai 232 miliardi di martedì.

Si è invece praticamente azzerato il ricorso ai prestiti marginali all'1,75% della Bce, a 9 milioni di euro contro i 580 della seduta precedente.

"La crescita dei depositi continua secondo previsioni mentre il dato sui prestiti conferma l'assenza di tensioni" prosegue il tesoriere.

L'aggiornamento quotidiano di Francoforte sull'effetto netto di liquidità dei fattori autonomi e del programma di acquisto di titoli sul mercato vede un dato, a ieri, di 335,405 miliardi di euro.

Alle 12,10 il tasso overnight sulla piattaforma Mid è stabile tra lo 0,29% e o 0,30%, con un Eonia fissato ieri pomeriggio di nuovo in rialzo dallo 0,329% dallo 0,327%.

Prosegue ancora, sebbene a piccoli passi, la risalita dell'Euribor. Il tasso a tre mesi si è portato al fixing di oggi allo 0,692% dallo 0,690% di ieri.

Il differenziale tra Euribor ed Eonia swap sulla scadenza trimestrale (fissato stamane allo 0,394%, invariato), visto come indicatore delle tensioni tra le controparti, allarga a 29,8 punti base, dai 29,6 di ieri.

"I tassi a breve sono stabili, sostanzialemtne dove ci aspettiamo che debbano essere in tali condizioni. L'Euribor sale un po', non per ragioni intrinseche ma perchè riflette un certo grado di incertezza che permane sulla situazione europea e sul coinvolgimento delle banche nella crisi" conclude il tesoriere.

Tra i futures Euribor la scadenza giugno FEIM0 tratta a 99,240 (+0,020), settembre FEIU0 a 99,110 (invariata), dicembre FEIZ0 a 99,040 (-0,010).

Altri dettagli sulla liquidità in Europa e in Italia alle pagine Reuters ECB40 e BITS.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below