Francia non ha intenzione di proibire scoperto su titoli Stato

mercoledì 19 maggio 2010 11:43
 

PARIGI, 19 maggio (Reuters) - La Francia non ha intenzione di proibire le vendite allo scoperto dei titoli di Stato della zona euro. Lo ha dichiarato il ministro dell'Economia Christine Lagarde, criticando implicitamente la decisione in tal senso assunta ieri da Berlino.

"Mi sembra che si dovrebbe almeno sollecitare il parere degli Stati coinvolti e interessati dalle misure," ha detto Lagarde parlando ai giornalisti. "Pertanto non prevediamo di procedere in tal senso. Non siamo intenzionati a prendere delle misure".

"E inoltre, per dei bisogni di liquidità, non è affatto inutile che tutto possa continuare a funzionare senza che sia proibita la vendita allo scoperto (dei titoli di Stato)".

Lagarde ha ricordato poi che i titoli del debito sovrano dell'area euro sono relativamente meno negoziati sulla piazza parigina.

"E' soprattutto in Germania che vengono negoziati".

Lagarde ha spiegato di aver invitato il presidente dell'Autorité des marchés financieres, Jean Pierre Jouyet, a chiedere una riunione del comitato europeo delle autorità di mercato per avere "il parere degli stati membri sull'ipotesi di probizione delle vendite allo scoperto dei titoli sovrani".

La Germania ha bloccato ieri sera la vendita allo scoperto 'naked' di diverse attività finanziarie tra cui i titoli di Stato denominati in euro e i credit default swap su questi titoli e le azioni dei maggiori dieci istituti di credito tedeschi.

(Redazione Milano; +39 02 6612 9526, email: valentina.za@reuters.com, RM: valentina.za.reuters.com@reuters.net))   Continua...