Severstal in rosso in trim1, Lucchini 'discontinued operation'

venerdì 14 maggio 2010 13:31
 

MOSCA/MILANO, 14 maggio (Reuters) - Il produttore di acciaio russo Severstal (CHMF.MM: Quotazione) ha chiuso il primo trimestre con una perdita netta di 785 milioni di dollari, peggio del rosso di 133 milioni stimato dagli analisti.

Nel bilancio di Severstal, l'italiana Lucchini viene riclassificata come "discontinued operation" in vista della cessione. "Abbiamo delle negoziazioni in corso per cedere Lucchini", si legge in un comunicato, "e puntiamo ad aggiornare il mercato come si conviene nei prossimi sei mesi".

Il processo di vendita di Lucchini è partito nel marzo scorso, quando Severstal ha comprato la quota ancora in mano alla famiglia bresciana, salendo al 100% del capitale. Da allora, però, secondo quanto riferito da diverse fonti vicine al dossier, il deal ha faticato a decollare per via della distanza fra le attese di prezzo del venditore e la disponibilità dei potenziali compratori.

Il dossier Lucchini, riferiscono le fonti, è sul tavolo degli operatori di private equity Blackstone (BX.N: Quotazione), Platinum e Apollo, e degli iinsutriali Arcelor Mittal (ISPA.AS: Quotazione), Tata Steel (TISC.BO: Quotazione) e Baosteel (600019.SS: Quotazione).

Parallelamente al processo di vendita, secondo una fonte vicina alla materia, Severstal, assistita da Lazard, "sta trattando con le banche la rinegoziazione del debito".

Tornando alla trimestrale di Severstal, l'Ebitda si è attestato a 492 milioni di dollari, deludendo la previsione di 553 milioni, mentre i ricavi sono stati pari a 3,14 miliardi di dollari (gli analisti stimavano 3,84 miliardi).