14 maggio 2010 / 15:12 / 7 anni fa

Italia bene su pensioni, spazi su efficienza Iva, sanità - Fmi

MILANO, 14 maggio (Reuters) - Dopo gli efficaci interventi nel contenimento e nella prevenzione della spesa pensionistica, i margini di miglioramento dei conti pubblici italiani vanno dal punto di vista fiscale ritagliati sul fronte sanità e con una maggiore efficienza dell'imposta sul valore aggiunto.

Questo scrive il Fondo monetario internazionale in uno studio intitolato 'Dallo stimolo al consolidamento - politiche di entrate e spesa nelle economie avanzate ed emergenti', pubblicato oggi insieme al rapporto 'Fiscal Monitor'.

ITALIA AUMENTI EFFICIENZA IVA

Per quanto riguarda i riferimenti diretti all'Italia, per il periodo 2011-2030 uno dei primi inserisce il paese tra quelli al di sotto della media in termini di aggiustamento fiscale e previsto incremento della spesa previdenziale.

Considerate le limitate esigenze di aggiustamento - dove per moderato si intende un intervento tra 3 e 6% del Pil - il Fondo suggerisce poi all'Italia, come ad Austria e Germania, misure di potenziamento dell'efficienza dal lato delle entrate anche attraverso una riforma amministrativa.

E' qui che il Fondo si sofferma sul coefficiente di efficienza Iva - denominato C - che a quota 36 e a livello di G20 nel caso dell'Italia va confrontato al 37 della Turchia contro il 50 della Germania o il 45 della Francia, risultando migliore soltanto al 33 del Messico.

A monte delle differenze sono le esenzioni e l'eccessiva differenziazione delle aliquote Iva: nel caso dell'Italia come in quello del Messico, per esempio, raggiunge 20% il differenziale tra Iva attuale e potenziale.

ITALIA, BENE INTERVENTO GIA' FATTO SU PENSIONI

Quanto poi alla spesa sanitaria, in termini percentuali rispetto al Pil secondo lo scenario base Fmi l'Italia parte del 6,3% di quest'anno per passare a 6,9% nel 2015, 7,5% nel 2020, 8,9% nel 2030, 10,2% nel 2040 e 11% nel 2050.

Di ieri intanto la notizia che le Regioni in disavanzo nel settore della sanità - Calabria, Campania, Lazio e Molise - non potranno accedere ai fondi Fas ma dovranno intervenire sulle addizionali Irpef e Irap.

Parole di elogio usa invece il Fondo come già hanno fatto Ocse e Commissione europea sulla riforma delle pensioni, partendo dagli interventi del '92 per arrivare alla tabella di marcia attuale fino al 2013.

ITALIA, SPESA CORRENTE PRIMARIA GIÀ AUMENTATA PRIMA DI CRISI

Per tornare infine brevemente ai punti dolenti, gli esperti di Washington sottolineano come la spesa corrente primaria sia in Italia cresciuta anche nel periodo 2000-2007, ben prima della crisi, e vada escluso un intervento sulla già elevata imposta sui redditi.

A quota 46,5% sul costo del lavoro, il cuneo fiscale italiano appare inoltre ampiamente superiore alla media Ocse.

A LIVELLO MONDIALE BISOGNA STABILIZZARE SPESA SANITARIA

Tornando all'orizzonte globale, "lo studio punta a identificare strumenti di politica a sostegno del consolidamento di bilancio negli anni a venire" si legge nella sintesi del documento.

"Specie nelle economie avanzate, la strategia di consolidamento dovrebbe mirare alla stabilizzazione della spesa pensionistica rispetto al prodotto interno lordo, ridurre i coefficienti di spesa non legati all'invecchiamento demografico e aumentare le entrate in maniera efficiente".

Dal lato della spesa pubblica gli esperti di Washington scelgono di puntare i riflettori sulle uscite del settore sanitario e suggeriscono un possibile congelamento della spesa reale pro-capite per i prossimi dieci anni.

Quanto invece alle entrate, un aumento del gettito necessita il rafforzamento della base fiscale e della lotta all'evasione fiscale, anche attraverso una migliore cooperazione internazionale.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below