Swap argentina, valutazioni Tfa domani su sito e per lettera

mercoledì 12 maggio 2010 18:52
 

ROMA, 12 maggio (Reuters) - La Task Force Argentina ha deciso di dare due valutazioni distinte sull'offerta di swap della Repubblica Argentina, da un lato informando il pubblico domani sul proprio sito e poi con un'altra informativa riservata ai 180 mila che, tramite Tfa, hanno fatto ricorso all' Icsid.

Lo si legge in una nota della Tfa che ha così rinviato di un altro giorno l' attesa valutazione sullo swap con cui l'Argentina vuole chiudere la sua partita con gli obbligazionisti incappati nel default del 2001.

"In considerazione della complessità dell'offerta, che è rivolta anche ai 180.000 obbligazionisti che hanno conferito mandato per il ricorso presso il Tribunale arbitrale Icsid, la Tfa ha deciso di predisporre due distinte comunicazioni", spiega la nota.

"La prima, destinata a tutti gli obbligazionisti indistintamente, sarà disponibile sul sito internet della Tfa (www.tfargentina.it) a partire dal 13 maggio 2010. La seconda, destinata ai ricorrenti Icsid e contenente informazioni sul ricorso arbitrale, sarà direttamente inviata ai suddetti ricorrenti", aggiunge la nota.

Nicola Stock, presidente della Tfa, spiega nel comunicato che gli obbligazionisti fanno bene a "leggere attentamente sia il prospetto dell'Ops e le relative avvertenze sia la nota informativa della Tfa prima di prendere qualsiasi decisione".

E per coloro che partecipano all'arbitrato, e che in caso di adesione devono ritirare la delega alla Tfa e rinunciare a questo ricorso, Stock invita inoltre a "leggere con attenzione quanto sarà loro direttamente comunicato da parte dei propri consulenti legali che seguono l'Icsid".

Stock raccomanda infine a una decisione "ragionata e non affrettata" che tenga conto di tutte le opzioni possibili.

L'offerta terminerà il 7 giugno prossimo (salvo proroga da parte dell' Argentina).

Oggi l'Argentina ha prorogato di due giorni il termine intermedio riservato aigrandi obbligazionisti ma ha lasciato invariato quello finale del 7 giugno.