Crisi, segnali importanti per Ue più politica - Sacconi e Tajani

lunedì 10 maggio 2010 14:34
 

ROMA, 10 maggio (Reuters) - Le decisioni assunte ieri dall'Ecofin dimostrano che sta avanzando il processo di una unione politica europea, come ha dimostrato la positiva reazione dei mercati di questa mattina.

Lo hanno detto il ministro del Welfare Maurizio Sacconi ed il vicepresidente della Commissione Ue Antonio Tajani, a margine del convegno di Rete imprese Italia che riunisce le piccole e medie imprese associate alla Confartigianato, alla Cna, alla Confesercenti, a Casartigiani ed alla Confcommercio.

"Sono state assunte decisioni che hanno funzionato e che sono destinate a durare nel tempo. Ha vinto la nostra tesi secondo la quale ci voleva un ulteriore avanzamento dell'unione politica e che la Grecia era un problema di tutti. Questa tesi alla fine è passata e siamo legittimamente soddisfatti", ha detto Sacconi.

Per Tajani la decisione di ieri sera è stato un passo avanti ed "il primo segnale è che le borse sono più che positive. Dietro la moneta unica c'è anche la politica dell'unione. Le riunioni di ieri hanno dato segnali positivi: la Ue, la Bce, l'Ecofin e l'Fmi. Il segnale più importante l'abbiamo dato: ora dobbiamo lavorare perché si possa risolvere i problemi in molti Paesi, questo è il nostro impegno".

Ieri sera a Bruxelles l'Ecofin ha deciso un pacchetto del valore di 750 miliardi di euro per stabilizzare la zona dell'euro dopo la crisi del debito avviata in Grecia.