30 aprile 2010 / 12:30 / 7 anni fa

Argentina presenta offerta di swap su debito, inizio lunedì

di Fiona Ortiz e Rika Otsuka

BUENOS AIRES/TOKIO/ROMA, 30 aprile (Reuters) - L‘Argentina ha reso pubblica oggi la sua offerta di scambio con nuove obbligazioni e contanti per oltre 18 milioni di dollari di debito in default ancora in circolazione per ripristinare una reputazione sui mercati internazionali e poter emettere nuovo debito.

Il paese sudamericano ha pubblicato oggi la sua offerta agli investitori nel sito web www.argentina2010offer.com che contiene i prospetti e gli altri documenti dell‘offerta in diverse lingue, anche in italiano.

Lunedì inizierà il periodo di offerta di swap per gli obbligazionisti che aderiranno alla proposta in Europa e negli Stati Uniti, mentre in Giappone l‘operazione partirà venerdì per la concomitanza di un periodo festivo.

Per aderire allo swap, gli investitori devono accettare una perdita del 66,3% del valore nominale delle obbligazioni possedute e in cambio riceveranno nuovi titoli e una parte in contanti per compensare gli interessi dovuti e non ancora corrisposti, oltre a un titolo legato al Pil dell‘argentina che pagherà un dividendo annuale in relazione alla crescita del Paese sudamericano.

L‘offerta, resa pubblica anche sul sito dell‘autorità di Borsa giapponese, ha due tipi di scadenza.

Per i grandi investitori c’è tempo fino al 12 maggio per spuntare condizioni più favorevoli, mentre gli obbligazionisti più piccolihanno tempo per aderire allo swap fino al 7 giugno.

Il governo argentino spera di annunciare un elevato livello di adesioni dopo la scadenza del primo termine, il 12 maggio.

Il ministro dell‘Economia argentino Amado Boudou ha detto che in parallelo all‘offerta di swap gli investitori potranno comprare un nuovo titolo obbligazionario, che l‘Argentina emetterà per un ammontare fino a 1 miliardo di dollari Usa e che l‘Argentina spera di collocare con un rendimento sotto la doppia cifra nonostante le turbolenze mondiali legate alla crisi del debito greco.

Boudou ha detto che spera di completare il collocamento del nuovo titolo entro il 12 maggio, anche se questo sarà legato al tasso di interesse.

L‘Argentina dichiarò default su circa 100 milioni di dollari di debito nel 2002. Tre anni dopo circa un 75% dei detentori di obbligazioni accettarono una severa decurtazione del loro credito aderendo al primo swap, ma una parte rifiutò l‘offerta e in molti adirono ricorsi legali per recuperare le somme investite.

Anche questa offerta prevede che chi aderisca rinuncia alle cause e agli arbitrati intentati e l‘Argentina sta offrendo condizioni leggermente più favorevoli per i piccoli investitori.

Il road show dell‘Argentina inizierà lunedì a Roma e si estenderà ad altre grandi città internazionali, incluse New York e Londra.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below