Scudo Quater, attesi rientri pari a 10-15% rispetto a scudo Ter

mercoledì 28 aprile 2010 18:15
 

* Rientri da scudo Quater attesi sotto stime governo

* Asset scudati per importo medio minore

* Rispetto a scudo Ter aumenta quota relativa a immobili

di Elisa Anzolin

MILANO, 28 aprile (Reuters) - Lo scudo Quater, che si concluderà il prossimo 30 aprile, sta producendo risultati nettamente ridotti rispetto all'edizione dello scorso anno, nell'ordine del 10-15%. Le operazioni sono state mediamente di taglio più piccolo e tra gli asset scudati sono aumentati gli immobili e le partecipazioni societarie.

E' questo il quadro tracciato da alcuni intermediari finanziari a due giorni dalla scadenza della seconda finestra dello scudo, che prevedeva una tassazione al 6% per le operazioni effettuate tra il 15 gennaio e il 28 febbraio e una al 7% per quelle da inizio marzo a fine aprile.

A dicembre una fonte ministeriale aveva stimato che con la riapertura di gennaio-aprile si sarebbero sanati capitali per altri 20/30 miliardi, poco oltre il 20-30% rispetto alla prima operazione. Ma le stime degli intermediari sentiti da Reuters per ora fotografano una percentuale mediamente più ridotta. La precedente edizione dello scudo, che prevedeva una tassazione al 5%, aveva prodotto 95 miliardi tra rimpatri e regolarizzazioni.

"I risultati sono nettamente inferiori e si aggirano intorno al 15% rispetto alla prima tranche" spiegano da Deutsche Bank, che con lo scudo Ter aveva registrato rientri per circa 2 miliardi di euro.   Continua...