Banche italiane poco mosse in borsa dopo giudizi negativi di S&P

venerdì 23 aprile 2010 14:17
 

MILANO, 23 aprile (Reuters) - Le banche italiane non registrano variazioni significative nella performance di Borsa, dopo i giudizi espressi dall'agenzia Standard & Poor's. Ciò vale in particolare per le principali destinatarie di giudizi negativi di S&P, Intesa Sanpaolo (ISP.MI: Quotazione), Mediobanca MSBI.MI e Ubi Banca (UBI.MI: Quotazione).

Quest'ultima continua a guadagnare circa un punto percentuale, dopo che l'agenzia ne ha rivisto l'outlook da stabile a negativo. L'istituto guidato da Corrado Passera resta inchiodato sulla parità dopo l'abbassamento del rating a 'A+/A-1' da 'AA-/A-1+'. Mediobanca, che condivide l'abbassamento di rating di Intesa, continua a registrare guadagni di modesta entità.

Intorno alle 13,40 S&P ha comunicato le proprie decisioni, prese, si legge nel comunicato, sulla base delle "deboli prospettive economiche" e delle stime di utili 2010-2011, che portano l'agenzia ad aspettarsi "che la qualità degli asset e gli utili delle banche italiane resteranno, in generale, sottoposti a pressioni significative nel 2010 e 2011".