Zona euro, proposta revisione tra pari leggi di bilancio - Rehn

venerdì 16 aprile 2010 18:31
 

MADRID, 16 aprile (Reuters) - La zona euro dovrebbe avere il diritto di esaminare la bozze delle Finanziarie dei diversi paesi membri prima dell'approvazione dei rispettivi parlamenti.

Lo sostiene la Commissione europea, facendo già scattare le critiche della Germania.

Una revisione, "tra pari", delle Finanziarie permetterebbe un intervento immediato di correzione qualora dovessero sorgere preoccupazioni sullo stato delle finanze di uno dei singoli paesi. Il direttivo Ue formalizzerà la proposta il prossimo 12 maggio, nell'ambito della sua revisione dell'attività di sorveglianza di bilancio europea.

"Dovremmo integrare la dimensione europea all'interno dei processi di budget nazionali per creare la possibilità di intervenire con sufficiente tempestività nel processo" ha spiegato il commissario agli Affari economici e monetari Olli Rehn.

"Ciò implica che le leggi di bilancio possano essere soggetto alla revisione da parte dei partner europei, prima che i parlamenti nazionali le approvino" ha aggiunto Rehn, a Madrid per l'incontro dei ministri finanziari dell'Eurogruppo, spiegando che spesso i piani fiscali di lungo termine dei paesi di eurozona si basano su assunzioni economiche troppo ottimistiche e mancano di dettagli.

Una presa di distanze dall'iniziativa è immediatamente giunta dalla Germania.

"È chiaro che la sovranità nazionale in campo fiscale deve rimanere integra, per quanto ovviamente nell'ambito delle regole del patto di stabilità" ha risposto il vice ministro delle Finanze Joerg Asmussen.

Il presidente dell'Euroogruppo, Jean-Claude Juncker, ha invece affermato che la proposta della Commissione ha il suo pieno appoggio.