Ue, sforzo risanamento risoluto per Paesi con alto debito - Bce

giovedì 15 aprile 2010 10:01
 

ROMA, 15 aprile (Reuters) - I Paesi della zona euro che hanno elevati livelli di deficit e debito devono mettere in campo un "impegno risoluto" per risanare le loro finanze pubbliche.

Lo dice la Banca centrale europea che invita a definire in modo dettagliato strategie credibili "di riequilibrio dei conti".

"Ora è essenziale che i governi riducano gli squilibri di bilancio e correggano i disavanzi eccessivi entro i termini concordati. Un gruppo di paesi dell'area dell'euro avvierà quest'anno il risanamento dei conti pubblici, mentre tutti gli altri dovranno predisporre misure correttive al più tardi entro il 2011", dice la Bce nel bollettino mensile.

"Occorre spingersi ben oltre il requisito minimo di aggiustamento strutturale annuo, fissato nel Patto di stabilità e crescita allo 0,5 per cento del Pil, e provvedere alla definizione dettagliata e all'attuazione di strategie credibili di riequilibrio dei conti".

"Ciò richiede un impegno risoluto, in particolare da parte dei paesi in cui l'incidenza del disavanzo e del debito sul Pil è elevata, anche in vista dei crescenti oneri di bilancio che si prospettano a seguito dell'invecchiamento demografico. La riforma della spesa va posta in primo piano", continua la Banca centrale europea.