PUNTO 1-Berlusconi smentisce recisamente necessità manovra 2010

venerdì 9 aprile 2010 14:07
 

PARIGI, 9 aprile (Reuters) - Il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi ha smentito "recisamente" le voci che ieri hanno annunciato una manovra correttiva prima dell'estate per coprire spese correnti ed evitare lo sforamento del deficit di quest'anno rispetto all'obiettivo del 5% del Pil.

Berlusconi ha fatto la sua "recisa" smentita nella conferenza stampa congiunta all'Eliseo con il presidente francese Nicolas Sarkozy durante il vertice italo-francese.

"Oggi sui giornali italiani ci sono delle voci che riguardano la nacessità di un aggiustamento della Finanziaria in corso, prima della prossima Finanziaria. Devo smentire recisamente questa notizia", ha detto Berlusconi nel corso della sua introduzione, parlando degli effetti della crisi economica e della ripresa in Italia.

"Devo smentire questa notizia che avevo già smentito con forza due giorni fa e che è stata smentita ieri sera anche dal nostro ministro delle Finanze", ha aggiunto Berlusconi ricordando poi come il suo governo abbia ereditato "dal passato", con riferimento esplicito ai governi del compromesso storico nella seconda parte degli anni 70, un "debito molto elevato".

"Nonostante questo abbiamo saputo tenere i conti pubblici in ordine. Abbiamo la necessità di rinnovare il debito pubblico che va in scadenza con nuove emissioni di debito pubblico. Normalmente le richieste del mercato sono 2/3 volte quelle delle emissioni", ha poi aggiunto.

Ieri una fonte parlamentare di maggioranza aveva detto che il governo starebbe predisponendo una manovra correttiva da 4-5 miliardi per far fronte alle spese correnti ed evitare uno sforamento nell'obiettivo di deficit, notizia smentita dal ministro dell'Economia Giulio Tremonti il quale ha precisato che non vi sarà una manovra aggiuntiva sul 2010, ma una correzione sul 2011, come da impegni con l'Europa, che avverrà in due tempi tra luglio e fine anno.