PUNTO1-Cina, Banca centrale riprende emissioni titoli 3 anni

mercoledì 7 aprile 2010 11:51
 

(Aggiunge conferma operazione da Banca centrale)

SHANGHAI, 7 aprile (Reuters) - La banca centrale cinese ha effettivamente deciso di riprendere a emettere titoli di Stato a tre anni nelle operazioni a mercato, come anticipato stamane da fonti bancarie, incrementando le misure di stretta monetaria per tenere sotto controllo l'inflazione.

Stamane i dealer avevano detto che la banca centrale stava chiedendo ai primary dealers, per lo più banche, quale è la loro richiesta per titoli a tre anni della banca centrale, una mossa che solitamente porta all'emissione dei titoli.

"I titoli a tre anni verranno emessi termporaneamente una volta nelle prossime due settimane" ha detto la Banca centrale in un comunicato sul suo sitoweb www.pbc.gov.cn

Le emissioni a tre anni, le prime ad essere emesse sul mercato aperto dalla metà del 2008, avranno un ammontare di 15 miliardi di yuan.

Accanto ad essi la Banca centrale emetterà sul mercato aperto anche 75 miliardi di yuan di titoli a tre mesi, un ammontare invariato rispetto a quello della scorsa settimana.

Ieri la banca aveva drenato 60 miliardi di yuan attraverso la vendita di titoli a un anno e altri 80 miliardi con un'operazione a 28 giorni. Potrebbe drenare fondi anche domani tramite un repo a breve termine. Sono sei settimane che la banca centrale sta drenando aggressivamente fondi dal mercato attraverso operazioni di mercato aperto, finora a brevissimo. Lo scopo è di asciugare l'eccesso di liquidità immessa con le misure di emergenza dello scorso anno utilizzate per combattere la crisi finanziaria.

L'emissione anche di titoli a tre anni serve a dare maggiore stabilità alla liquidità.