Gas Plus,per acquisizioni pensa a veicolo con partner finanziari

martedì 30 marzo 2010 11:46
 

MILANO, 30 marzo (Reuters) - L'eventuale operazione di acquisizione di asset da Eni (ENI.MI: Quotazione) che Gas Plus (GSP.MI: Quotazione) sta valutando avverrebbe tramite un veicolo capitalizzato dalla società con mezzi propri e partecipato da partner finanziari.

Lo ha detto l'AD Davide Usberti nella conference call di presentazione dei dati 2009, sottolineando che si tratta di indicazioni e senza dare dettagli numerici in quanto le valutazioni sono ancora in corso.

Il veicolo nascerebbe con cassa sufficiente per poter procedere con acquisition finance con livelli di leva prudente, ha proseguito.

Ieri nella nota sui risultati Gas Plus ha detto di aver rallentato gli investimenti nell'E&P domestico, in particolare per quanto riguarda i progetti esplorativi, "nella prospettiva di poter contare su un ampio portafoglio di riserve e di nuovi giacimenti da sviluppare nelle società acquisende nell'ambito della trattativa in corso con Eni".

Per l'operazione, ha detto Usberti, si sta valutando "uno specifico veicolo controllato da Gas Plus, che apporterebbe una quota di maggioranza dei mezzi propri del veicolo, partecipato anche da soggetti finanziari".

"Si sta pensando a una leva ragionevole, una relativa prudenza ci ha sempre caratterizzato", ha poi spiegato il manager.

Recenti indiscrezioni stampa hanno ipotizzato che Gas Plus ricorrerà a un aumento di capitale e all'appoggio di Intesa Sanpaolo (ISP.MI: Quotazione) e Unicredit (CRDI.MI: Quotazione) per finanziare l'acquisizione da 800 milioni di euro di due campi di idrocarburi messi in vendita da Eni.