Zona euro, coordinamento economico per evitare squilibri - Fmi

lunedì 29 marzo 2010 12:05
 

VARSAVIA, 29 marzo (Reuters) - I paesi della zona euro devono migliorare il coordinamento economico per evitare che si creino grossi squilibri nel sistema.

Lo dice il direttore generale del Fondo Monetario Internazionale, Dominique Strauss-Kahn, secondo il quale la recente crisi finanziaria ha messo a nudo i problemi all'interno dell'Unione europea, ma potrebbe anche rappresentare un punto di svolta positivo se i leader troveranno insieme delle soluzioni.

"Una delle lezioni della crisi in Europa è stata che una valuta singola senza sufficiente coordinamento economico può portare a grossi squilibri", spiega Strauss-Kahn in un discorso alla business school di Varsavia.

"Sulla scia della crisi l'integrazione europea deve accelerare non rallentare. E' tempo di portare il progetto europeo al livello più alto", aggiunge.

Proprio lo scarso coordinamento ha fatto sì che l'Europa non sia stata in grado di affrontare la crisi del debito della Grecia, secondo Strauss-Kahn.

La scorsa settimana i leader della zona euro hanno richiamato la necessità di un governo economico dell'Europa per coordinare le politiche economiche e fiscali anche se non è emersa una direzione condivisa né accordo su quanto è necessario fare.

"Per ripristinare la fiducia nella sostenibilità fiscale dell'Europa, i responsabili della politica economica devono formulare, comunicare e cominciare a implementare strategie per uscire dalle politiche di intervento legate alla crisi il prima possibile", ha concluso.