Agcom sbaglia, programma Santoro lugubre carro teschi-Berlusconi

venerdì 26 marzo 2010 16:19
 

ROMA, 26 marzo (Reuters) - L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni (Agcom) è venuta meno al proprio mandato non accogliendo le pressioni del presidente del Consiglio affinché venissero soppresse alcune trasmissioni Rai, fra le quali Annozero.

Lo ha detto lo stesso premier, Silvio Berlusconi, definendo "lugubre carro di teschi" la trasmissione che Michele Santoro ha messa in scena ieris era al pala Dozza di Bologna e che è stata trasmessa ieri su satellite e via internet per ovviare ai limiti della par condicio che ha portato alla soppressione dei programmi Rai di informazione e politica.

"La commissione ha assolutamente mancato nei suoi doveri non avendo fatto questo intervento", ha detto Berlusconi difendendo nuovamente le telefonate fatte a un commissiario dell'Agcom e che hanno determinato la sua iscrizione nel registro degli indagati nell'inchiesta di Trani per concussione.

Berlusconi ha poi negato di essersi "scagliato" contro Santoro definendo "inaccettabile, incivile e barbaro che si faccia un processo a chi è gia sotto processo in tribunale senza la presenza sua o di un suo avvocato in tv. Non si può fare in nessuna trasmissione e tanto meno in quella pubblica".

Alla richiesta di una sua valutazione sulla applicazione delle legge sulla par condicio che ha sospeso i programmi di informazione sulla Rai, Berlusconi ha risposto: "Non ho un parere sicuro e definitivo perché penso che trasmissioni come quelle di Santoro abbiano effetto contrario all'obiettivo di chi le fa. Non saprei dire se sia stato un bene o un male".

Ha poi detto che la Rai "è diventata una trasmissione commerciale", ma di non sapere se è giusto o meno privatizzarla.

Circa la programmazione Rai ha aggiunto: "Credo che la Rai non possa continuare così se vuole che gli italiani paghino il canone".