Monetario calmo, depositi oltre 200 mld, novità collaterale Bce

giovedì 25 marzo 2010 13:01
 

MILANO, 25 marzo (Reuters) - Situazione distesa sull'interbancario dei depositi, dove la parte e brevissimo si mantiene sui livelli della media Eonia delle ultime sedute indifferente al prevedibile accumulo nei depositi marginali presso la Bce.

Stamane a Bruxelles, il presidente Jean-Claude Trichet ha illustrato alcune delle prossime mosse sul fronte della liquidità, anticipando rilevanti novità sul fronte delle regole per il collaterale che il mercato interpreta in senso ampiamente distensivo.

Nel dettaglio, la banca centrale continuerà ad applicare fino a oltre fine anno le attuali regole sul collaterale da consegnare in cambio di fondi Bce e introdurrà gradualmente, a partire da gennaio dell'anno prossimo, uno schema di progressivi 'haircut' che continuerà a proteggere in maniera adeguata il sistema bancario dei sedici paesi Uem.

In particolare la prima delle due misure è volta ad alleviare la pressione sulla Grecia, che avrebbe rischiato di vedere i propri titoli del Tesoro rifiutati come collaterale di liquidità Bce.

"Non c'erano alternative: non si può restare in una situazione in cui Moody's a giudicare l'ammissibilità dei titoli greci come collaterale dei fondi Bce" spiega l'analista UniCredit Marco Valli.

"La decisione allevia la tensione sulla Grecia e sulle banche elleniche, dunque è positiva per la stabilità del mercato" aggiunge.

"Un segnale decisamente distensivo" concordano da una tesoreria.

"Anche se in maniera naturalmente indiretta, nel caso del problema greco la Bce si sta muovendo molto più in fretta rispetto all'Europa" aggiunge l'addetto ai lavori, in vista del consiglio europeo che si apre questa sera a Bruxelles.

Sul fronte macro, le statistiche a cura di Francoforte relative a febbraio mostrano inoltre il primo rialzo congiunturale dei finanziamenti ai privati degli ultimi sei mesi.   Continua...