Fisco, dazi su import extra Ue potrebbe essere furbata -Tremonti

mercoledì 24 marzo 2010 18:38
 

NOLA, Napoli, 24 marzo (Reuters) - Il ministro dell'Economia Giulio Tremonti ipotizza l'aumento dell'Iva sulle importazioni da Paesi extraeuropei.

"L'Iva fu inventata per portare l'Italia nel Mec. Adesso il mercato è diventato globale. La fiscalità non può restare quella di prima. Ci conviene o no ragionare sull'Iva all'importazione? Non lo so, è tutto da discutere. Ma magari può essere una furbata per un'economia come la nostra", ha detto Tremonti nel corso di una iniziativa elettorale in Campania.

"Un'ipotesi che si sta facendo in tutta Europa è di gestire l'Iva import-export non più in Europa ma in tutto il mondo dato che il mercato non è più Europa su Europa ma tutto il mondo. Molti Paesi, molti uffici studi stanno facendo discorsi del tipo 'forse puoi ridurla di qua e aumentarla di là'".

"Quando grandi Paesi europei dicono che bisogna introdurre un'imposta verde all'importazione cosa è se non un dazio verde? E' in atto una discussione di quel tipo", ha aggiunto.

Tremonti esprime poi dubbi su una delle linee guida da lui proposta nell'ambito della riforma fiscale italiana: lo spostamento del prelievo fiscale dalle imposte dirette come l'Irpef alle imposte indirette come l'Iva, spiegando che occorre fare approfondimenti.

"Non so se sarà ancora giusta l'idea di spostare la pressione dalle persone alle cose. Dobbiamo vederla, capirla. Però forse il discorso sull'import-export dà l'idea che forse è meglio farci un po' di protezionismo europeo sano e intelligente", ha aggiunto.