PUNTO 1- Banche, funding non a livelli pre-crisi - Bini Smaghi

mercoledì 24 marzo 2010 13:18
 

(aggiunge commenti Bini Smaghi, Faissola)

MILANO, 24 marzo (Reuters) - L'accesso al finanziamento delle banche non è tornato ai livelli antecedenti la crisi e questo potrebbe essere un ostacolo alla capacità degli istituti di soddisfare la domanda di credito quando tornerà a crescere con la ripresa economica, anche alla luce del previsto aumento delle sofferenze.

A dirlo è il membro del consiglio esecutivo della Banca centrale europea, Lorenzo Bini Smaghi, durante una tavola rotonda organizzata dalla American Chamber of Commerce.

"Il problema che ci poniamo come autorità di politica monetaria per i prossimi 6-12-18 mesi è che il sistema bancario sia in grado di assicurare la domanda di credito quando si riprenderà", ha detto Bini Smaghi.

"Per fare questo le banche devono avere bilanci risanati e accesso al mercato", ha aggiunto. I problemi a riguardo, "non sono irrilevanti".

"Vedo che le sofferenze stanno aumentando, le sofferenze peseranno su bilanci bancari e l'accesso bancario al rifinanziamento non è tornato al livello pre-crisi", ha spiegato.

"Sulle scadenze più lunghe c'è difficoltà delle banche a emettere titoli, specie non garantiti. ...il mercato ancora ha dei problemi nel valutare i bilanci bancari", come dimostra il fatto che gli spread corporate non bancari si sono ridotti di più rispetto a quelli bancari.

Secondo Bini Smaghi per ristabilire la fiducia nel sistema bancario è fondamentale la riforma della regolamentazione: la risposta passa attraverso le norme note come Basilea 3 che "non è il nemico, (anche se) pone un problema di transizione."   Continua...