Lavoro, 2,2 mld in 2010 per cassa integrazione in deroga-Sacconi

mercoledì 17 marzo 2010 16:16
 

ROMA, 17 marzo (Reuters) - Le risorse disponibili nel 2010 per gli ammortizzatori sociali in deroga sono pari a circa 3 miliardi, di cui 2,2 miliardi per la cassa integrazione e il resto in sostegno a contratti di solidarietà, autoimprenditoralià, organismi bilaterali e indennità sperimentale per i contratti a progetto.

Lo ha detto il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, al question time di oggi alla Camera rispondendo ad una interrogazione della Lega Nord e a una del Pd.

"Le risorse disponibili [per la cassa in deroga] sono sostanzialmente le stesse dell'anno precedente [2010]: le misure in deroga sono alimentate in parte dal bilancio dello Stato, in parte dalla Regioni e sono stati impegnati 2,2 miliardi. Almeno atrettanti saranno disponibili quest'anno, oltre ad altri strumenti, fino a un totale di 8 miliardi nel biennio", ha aggiunto il ministro ricordando che per il periodo 2009-2010 la cifra totale stanziata per gli ammortizzatori è di 32 miliardi.

Quanto al 2011, il ministro garantisce che sarà fatta la verifica delle somme residue: "Non mancheremo di proteggere il reddito anche per i lavoratori delle Pmi".

Sacconi ha anche difeso la scelta del governo di bocciare la proposta parlamentare di estensione della cassa integrazione ordinaria da 52 a 78 settimane sostenendo che si tratterebbe di riconoscere il ricorso alla cassa ordinaria come diritto soggettivo da parte dei lavoratori. Ciò implica un utilizzo illimitato di risorse, fino al venir meno della necessità, a differenza del regime concessorio - attualmente previsto per la cigo - che prevede un fondo limitato. Da qui, fra l'altro, le obiziezioni della Ragioneria alla norma.

Il Pd ha replicato che in realtà la maggior parte delle risorse viene prelevata dai fondi regionali.