Grecia, Ocse chiede a Ue segnale di supporto chiaro e forte

lunedì 15 marzo 2010 18:41
 

ATENE, 15 marzo (Reuters) - I ministri finanziari della zona euro dovrebbero dare un segnale forte e chiaro di sostegno alla Grecia. Lo ha detto il segretario generale dell'Ocse Angel Gurria, aggiungendo che Atene merita di essere aiutata ora che ha presentato un ampio piano di riduzione del deficit.

"La Grecia merita supporto visto il pacchetto di misure di politica fiscale che ha annunciato" ha affermato Gurria a seguito di un incontro ad Atene con alti rappresentanti greci.

Il governo socialista di Atene ha presentato all'inizio del mese una serie di provvedimenti che vanno dal taglio degli stipendi nel settore pubblico all'aumento delle imposte, nel tentativo di ridurre drasticamente il disavanzo di bilancio del paese.

Tuttavia la messa a punto di un piano comune europeo di sostegno finanziario alla Grecia procede a rilento, con paesi come Franca e Germania che rimandano l'assunzione di impegni precisi.

Serve un "chiaro e forte segnale di sostengo che i mercati capiscano" ha detto Gurria.

"Si può trattare di garanzie, di risorse o eventualmente della disponibilità ad assorbire parte dei bond greci o di migliorarne la qualità, qualcosa che il mercato capisca e che permetta alla Grecia di ridurre il costo del proprio debito" ha spiegato il segretario generale dell'Ocse a Reuters.

Riguardo la possibilità di un ricorso della Grecia al Fondo monetario internazionale Gurria ha affermato che "non dovrebbe essere un taboo".

"Non c'è ragione per cui la Grecia non debba considerare di rivolgersi al Fmi come opzione alternativa o complementare" ha aggiunto.