March 12, 2010 / 12:06 PM / 7 years ago

Fondo Ue, Germania rilancia idea con maggiori dettagli su stampa

3 IN. DI LETTURA

LONDRA, 12 marzo (Reuters) - Il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble chiede una maggiore integrazione delle politiche fiscali dei membri della zona euro e una sorveglianza più forte per proteggere l'Unione monetaria da nuove crisi.

In un intervento sul Financial Times di oggi, Schaeuble spiega i dettagli della sua proposta di costituire un Fondo monetario europeo che possa, come istituzione di ultima istanza, offrire aiuto ai paesi della zona euro che rischiano la bancorotta.

In mattinata l'intervento di Schaeuble ha ricevuto l'imprimatur del Cancelliere Angela Merkel. Un portavoce della Merkel ha detto "quello che abbiamo letto oggi sull'FTD illustra i nostri punti di interesse comune".

Sul quotidiano finanziario Schaeuble sostiene che l'Unione monetaria sta affrontando un momento critico e deve prendere misure per difendersi da ulteriori turbolenze.

"Le ricadute della crisi stanno diventando ancora più visibili, i mercati del lavoro in alcuni paesi stanno languendo e il debito pubblico è dappertutto ben oltre i limiti" scrive Schaeuble chiedendo una maggiore intergrazione della zona euro.

"Il coordinamento tra i membri della zona euro dovrebbe essere più esteso, i paesi dovrebbero avere un ruolo più attivo gli uni nella politica degli altri", aggiunge.

Schaeuble parla di condizioni stringenti per la concessione degli aiuti tramite il Fondo.

"Condizioni rigide e un prezzo proibitivo devono essere legati alla concessione di aiuti in modo che il ricorso all'Fme scatti solo in caso di emergenze che presentino una minaccia alla stabilità finanziaria della zona euro" secondo il ministro tedesco.

L'Eurogruppo deciderebbe sulla concessione di un eventuale aiuto insieme alla Banca centrale europea, mentre il paese richiedente non potrebbe avere voce in capitolo nella decisione, ipotizza Schaeuble.

"Un aiuto di emergenza potrebbe essere affiancato in modo obbligatorio a sanzioni più rigide nella cornice della procedura di deficit eccessivo: penalizzazioni di tipo monetario potrebbero essere imposte immediatamente", secondo il ministro.

Secondo il responsabile tedesco delle Finanze "la prospettiva di un aiuto di emergenza connesso con un'azione più forte di risanamento di bilancio aumenterebbe la fiducia dei mercati, in modo da evitare un approfondimento della crisi e ovviare alla necessità che alcuni stati membri della zona euro ricorrano al Fondo monetario internazionale".

Nell'immediato il ministro tedesco suggerisce che "un paese della zona euro in deficit eccessivo non riceva i fondi di coesione dalla Ue se non farà risparmi sufficienti".

"Se riusciremo a mettere in ordine le politiche fiscali degli stati membri allora la crisi avrà innescato un miglioramento" conclude il ministro.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below