Monetario disteso, mercato si normalizza dopo fine tuning Bce

mercoledì 10 marzo 2010 12:16
 

MILANO, 10 marzo (Reuters) - Seduta di normalizzazione sul mercato monetario dopo l'operazione di fine tuning condotta ieri dalla Bce, in chiusura del periodo di mantenimento.

"L'operazione è stata in linea con le aspettative e il mercato sta rapidamente tornando ai livelli pre-fine tuning; con domani l'equilibio si dovrebbe definitivamente ristabilire" spiega un tesoriere.

Francoforte ha drenato complessivamente 294,5 miliardi di euro dal sistema bancario di eurozona, lasciando un "avanzo" di liquidità in eccesso di circa 27,7 miliardi di euro.

"Significa un'eccedenza media giornaliera di circa 990 milioni di euro, in leggera discesa rispetto alle operazioni di fine tuning dei mesi scorsi" afferma il tesoriere. "Il trend è dunque il leggera discesa, segno che le banche stanno tentando, molto timidamente, di rientrare verso livelli di liquidità più consueti e che la liquidità rinnovata nelle prossime operazioni di rifinanziamento della Bce potrebber essere un po' minore rispetto a quella in scadenza".

I flussi di depositi degli istituti di credito della zona euro presso la banca centrale sono scesi ieri sera a meno di 34 miliardi, dai 245 di lunedì, per effetto diretto dell'operazione di drenaggio ECB40.

"La liquidità è abbondante, già con i dati di domani mi apsetto un ritorno verso l'alto dei depositi, almeno almeno in area 120 miliardi" afferma un tesoriere.

Attorno alle 11,00 l'overnight tratta tra lo 0,27% e lo 0,29%, con un Eonia fissato ieri in rialzo allo 0,643% dallo 0,312% precendente, anche qui sulla spinta della chiusura del periodo di riserva obbligatoria.

"Anche sul fronte dei tassi stiamo tornando ai livelli precedenti al drenaggio della Bce, non vedo nessuna tensione oggi", conclude il tesoriere.

L'Euribor, a conferma della distensione del mercato, è stato fissato stamane al nuovo minimo storico, sulla scadenza trimestrale, dello 0,651%.   Continua...