17 febbraio 2010 / 12:43 / 8 anni fa

PUNTO 1 - Scudo, rientrati in Italia 35 mld su 85 - Bankitalia

(Aggiunge altri dati, contesto)

ROMA, 17 febbraio (Reuters) - I capitali rientrati in territorio italiano grazie allo scudo fiscale sono stati finora il 41,18% di quelli emersi, ossia circa 35 miliardi su 85, e provengono per la stragrande maggioranza dalla Svizzera.

E' quanto emerge dai dati provvisori diffusi oggi dalla Banca d'Italia insieme alla Bilancia dei pagamenti del 2009.

Nel dettaglio l'ammontare delle attività segnalate al 15 febbraio 2010 dagli intermediari è pari a 85,134 miliardi, di cui 34,874 sono rimpatri con liquidazione, ossia rientri veri e propri.

I rimanenti 50,26 miliardi sono costituiti da semplici regolarizzazioni (i capitali esportati illegalmente all'estero vengono dichiarati ma restano dove si trovano) o da rimpatri giuridici (i capitali portati alla luce non vengono più gestiti da una banca straniera ma dalla filiale di una banca italiana).

Il governo spera che i capitali rientrati in Italia siano utilizzati in investimenti produttivi e aiutino le imprese a risollevarsi dalla crisi.

Diversi economisti ed esperti di diritto tributario sentiti da Reuters nutrono però dubbi sull'efficacia dello scudo che nel rispetto delle regole europee non pone vincoli alla destinazione dei capitali.

Guardando alla tabella della Banca d'Italia sui Paesi di provenienza si nota che dalla Svizzera sono rientrati in Italia 24,949 miliardi mentre 35,007 sono i rimpatri giuridici (59,956 miliardi in totale).

Secondo Paese di provenienza il Lussemburgo (7,302 i miliardi scudati) seguito da Principato di Monaco (4,115 mld), San Marino (3,819 mld), Austria (1,251 mld), Liechtenstein (1,234 mld).

Quanto al tipo di attività sono emersi 40,381 miliardi di depositi in conto corrente, 20,738 miliardi in strumenti di debito, 11,981 miliardi in azioni, 4,596 miliardi in denaro, 6,513 miliardi in altre attività finanziarie, 885 milioni in immobili, 40 milioni in strumenti derivati.

L'importo relativo allo scudo fiscale indicato dal ministero dell'Economia e delle Finanze con un comunicato stampa il 29 dicembre è pari a 95 miliardi.

La differenza con gli 85,1 miliardi di cui parla oggi Bankitalia è spiegata dalle diverse fonti utilizzate.

La rilevazione di via Nazionale esclude alcuni beni patrimoniali e le operazioni di importo inferiore alla soglia di rilevazione. Inoltre l'effettivo rimpatrio o regolarizzazione delle attività scudate può essere stato differito e quindi non ancora segnalato ai fini statistici.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below