February 12, 2010 / 5:32 PM / 7 years ago

PUNTO 1-Acea, salta cda, bond in stallo,accordo con Suez lontano

3 IN. DI LETTURA

(aggiunge nuovi dettagli, commento fonti)

ROMA, 12 febbraio (Reuters) - Il consiglio di amministrazione di Acea (ACE.MI), che doveva deliberare il lancio di un bond da 500 milioni e fare luce sull'avanzamento della trattativa con GdFSuez, è inizialmente slittato alle 17,00, poi non si è svolto ed è stato riconvocato per mercoledì 17 alle 17,30.

Secondo due fonti il negoziato con i francesi di Gdf Suez, azionisti con il 9,9%, è ancora lontano da un accordo sia per differenti valutazioni sugli asset oggetto della discussione sia per una richiesta di Acea di essere risarcita per la presunta violazione francese dei patti di partnership in AceaElectrabel.

Una nota della società spiega il rinvio per "l'impossibilità di alcuni consiglieri a partecipare ai lavori".

L'atteso via libera al bond da 500 milioni, già slittato dallo scorso cda, è quindi ancora rinviato.

Secondo una fonte vicina al dossier, "la decisione sul lancio del bond dipenderà da come evolvono i rapporti con GdfSuez, anche perchè l'emissione non serve a rifinanziare debito a scadenza, non è urgente".

Lancio Bond Legato a Esito Trattativa Con Gdf-Suez

L'operazione da 500 milioni, già preparata in occasione del precedente cda, è una emissione riservata "a soli istituzionali, scadenza 10 anni bullet a tasso fisso", dice la fonte.

Come noto l'emissione, annunciata dalla società già dalla fine dello scorso anno, serve a portare il debito da breve a lunga scadenza. Acea ha un debito stabilizzato a 2,2 miliardi.

Quanto ai rapporti tra Acea e il socio francese, anche questa scadenza che sembrava poter portare novità è passata senza informazioni ufficiali sullo stato della trattativa.

ACEA VUOLE RISARCIMENTO DA FRANCESI, LONTANI SU VALORI ASSET

Secondo una fonte "la discussione è ancora sulla valutazione degli asset e le parti sono molto lontane". Acea e GdfSuez hanno tre joint venture sotto la AceaElectrabel per produzione, distribuzione e vendita di elettricità.

Inizialmente la trattativa sembrava andare verso un aumento del peso dei francesi nella produzione, e una preminenza di Acea in distribuzione e trading. Ieri sera però il sindaco di Roma Gianni Alemanno, nel consiglio straordinario sulla ex municipalizzata, ha detto che Acea non può rinunciare alla produzione.

La prima fonte ha però anche un'altra spiegazione della difficoltà della trattativa.

"Uno dei punti è la questione sul risarcimento che GdF dovrebbe pagare ad Acea per la violazione del patto di JV", ha detto senza fornire altri dettagli.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below