PUNTO 1 - Spagna, in 2010 emissioni nette Tesoro a 76,8 mld

lunedì 8 febbraio 2010 14:39
 

(aggiunge in coda commenti strategist e altre opzioni Tesoro)

MADRID, 8 febbraio (Reuters) - Il Tesoro spagnolo ha in programma l'emissione di nuovi titoli di debito per un valore netto di 76,8 miliardi di euro nel 2010. Si tratta di una riduzione del 34% rispetto al 2009. Il governo non ripropone le operazioni di finanziamento straordinario dettate dalla crisi, tentando di rassicurare i mercati sulla sua capacità di tenere sotto controllo la dinamica del debito.

Le emissioni lorde a lungo termine per il 2010 saranno pari a 97 miliardi, ha spiegato Madrid, che assicura come il "debito pubblico spagnolo resterà di quasi 20 punti sotto la media europea". Con 35,4 miliardi di carta a lungo termine che giunge a scadenza quest'anno, le emissioni nette a lunga saranno pari a 61,6 miliardi nel 2010.

La Spagna prevede che il debito pubblico toccherà il suo picco nel 2012 al 74,3% del pil.

Secondo quanto comunicato dal Tesoro il debito spagnolo complessivo salirà nel 2010 a 553,5 miliardi, pari a circa il 55% del pil.

Per le scadenze brevi, il Tesoro ha reso noto che verranno reintrodotti i titoli a 18 mesi, insieme alle consuete emissioni mensili a 3, 6 e 12 mesi.

Alcuni funzionari spagnoli hanno aggiunto che il Tesoro potrebbe decidere di riaprire quest'anno il titolo a ottobre 2012 e che starebbe considerando persino una emissione indicizzata all'inflazione della zona euro.

"L'annuncio che le emissioni spagnole nel 2010 saranno circa 97 miliardi, soltanto 3 miliardi sotto le nostre previsioni, non è una sorpresa positiva e ci ricorda quanto sarà impegnativo per il paese rifinanziarsi nel 2010", commenta lo strategist di Credit Agricole Peter Chatwell.