1 febbraio 2010 / 13:40 / 8 anni fa

PUNTO 1- Usa,Obama vede deficit bilancio a record 10,6% Pil 2010

(aggiunge dettagli in coda)

WASHINGTON, 1 febbraio (Reuters) - Il deficit di bilancio Usa dovrebbe salire al livello record di 1.560 miliardi di dollari nel 2010, secondo il programma dell'amministrazione guidata da Barack Obama.

Il progetto di bilancio, che dovrà essere approvato dal Congresso, riguarda l'anno fiscale al 30 settembre 2011 e prevede un deficit pari al 10,6% del Pil, secondo quanto comunicato dalla Casa Bianca.

L'aumento è dovuto in parte a un pacchetto di misure di stimolo definite lo scorso anno per affrontare la situazione di emergenza dell'economia e dell'occupazione.

Il dato si confronta con 1.410 miliardi dell'anno fiscale 2009 (9,9% del Pil). Il deficit dovrebbe poi calare a 1.270 miliardi, l'8,3% del Pil, nell'anno fiscale 2011, secondo gli impegni della Casa Bianca.

UNA SFIDA PER LA CASA BIANCA

Obama deve convincere investitori e grandi creditori come la Cina di avere un piano credibile per tenere sotto controllo il deficit e il debito del paese.

Quest'anno verranno mantenute politiche per proteggere la ripresa economica ancora fragile, ma Obama risparmierà mettendo un freno a circa 120 progetti federali, tra i quali spicca la missione spaziale per andare nuovamente sulla luna. Maggiori investimenti riguarderanno invece educazione e ricerca.

Gli analisti monitorano la situazione con una buona dose di scetticismo. I sondaggi mostrano infatti la preoccupazione dei contribuenti per la debolezza delle finanze americane.

In programma c'è anche la creazione di una commissione bipartisan sul bilancio che elabori opzioni su tasse e spesa.

IL PROBLEMA DISOCCUPAZIONE

Per il momento il bilancio ha incorporato la legge di assistenza sanitaria mentre, secondo un funzionario dell'amministazione, sarebbero stati tolti i 646 miliardi di dollari di entrate previste per una controversa proposta di legge per limitare e scambiare diritti di inquinare, segnalando i dubbi della Casa Bianca sulla possibilità di un'approvazione del Congresso.

Particolare preoccupazione si concentra sul fronte occupazione, specialmente dopo lo scontento dimostrato dagli elettori con la sconfitta del candidato democratico di Obama in Massachusetts per il Senato.

Per aumentare i posti di lavoro Obama sta mettendo da parte circa 100 miliardi di dollari nel 2010 in crediti di imposta per le piccole imprese e per gli investimenti in energia pulita e infrastrutture.

TAGLI A LUNGO TERMINE

Il bilancio indica misure per tagliare nei prossimi 10 anni oltre 1000 miliardi dal deficit. Tra queste spicca l'idea di tassare le grandi banche per recuperare i fondi del salvataggio governativo messo in campo durante la crisi finanziaria, una misure che permetterebbe di recuperare circa 90 miliardi in dieci anni.

Potrebbero inoltre venire mano i tagli alle tasse per i contribuenti più facoltosi: secondo le stime della Casa Bianca se venisse permesso un aumento delle tasse alle famiglie con reddito superiore ai 250.000 dollari l'anno, entrerebbero nelle casse del Tesoro circa 678 miliardi nei prossimi 10 anni.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below