Grecia propone a Cina acquisto bond per 25 mld euro - FT, WSJ

mercoledì 27 gennaio 2010 10:39
 

SINGAPORE, 27 gennaio (Reuters) - La Grecia sta contattando la Cina per acquistare fino a 25 miliardi di euro di suoi bond nello sforzo di evitare una delle maggiori crisi debitorie europee. Lo dicono Financial Times e Wall Street Journal nell'edizione odierna. Il ministro delle Finanze greco ha poi smentito.

Goldman Sachs (GS.N: Quotazione) è stata scelta a guida dell'operazione a Pechino presso lo State Administration of Foreign Exchange (SAFE), che gestisce riserve estere cinese per 2.400 miliardi di dollari, riporta il FT citando persone vicine all'operazione.

La Grecia ha detto ieri che lancerà in febbraio un nuovo bond, dopo quello a 5 anni di questa settimana che ha visto una stratosferica domanda [ID:nLDE60P2BO].

Il ministro delle Finanze greco George Papaconstantinou andrà in visita negli Stati Uniti e in Asia, Cina compresa, per un road show il mese prossimo, dice il WSJ.

"C'è molta liquidità in Cina. Ci sono grandi fondi. Questa è la ragione per cui la Cina farà parte del road show," ha detto Papaconstantinou in un'intervista al WSJ.

Il debito greco è arrivato al 120% rispetto al Pil spingendo la agenzie di rating e la speculazione dei mercati a dubitare che la Grecia possa essere in grado di ripagare il proprio debito.

La Grecia ha detto di avere intenzione di ridurre il deficit/pil quest'anno all'8,7% dal 12,7% del 2009.

Il piano di stabilità a lungo termine vede una riduzione del deficit/pil al 2,8% nel 2012, entro il limite del 3% imposto dalla Unione europea, ma i mercati hanno qualche dubbio circa il fatto che il programmato taglio delle spese possa essere realistico in un paese in cui spesso le riforme sono state contestate con proteste di strada.

Il FT ha scritto che Gary Cohn di Goldman Sachs ha fatto due visite ad Atene -- lo scorso novembre e questo mese -- per incontrare il primo ministro George Papandreou e altri funzionari. Il giornale scrive anche che Pechino non è d'accordo con un tale acquisto.

Atene ha respinto anche l'ipotesi che una banca cinese stia per acquistare una quota strategica della National Bank of Greece (NBG) (NBGr.AT: Quotazione), la maggiore banca greca, ha scritto il FT.