Italia, Fitch vede emissioni lorde 2010 a 393,5 mld da 400,9 mld

martedì 26 gennaio 2010 12:30
 

MILANO, 26 gennaio (Reuters) - L'Italia avrà emissioni lorde per 393,5 miliardi, secondo un rapporto di Fitch, che si confronta con i 400,9 miliardi del 2009.

Alla cifra complessiva, che rappresenta circa il 25% del Pil italiano atteso, l'agenzia di rating arriva calcolando uno stock di debito a breve termine (che include titoli a breve termine e commercial paper) a fine 2009 per 140,1 miliardi di euro, cui si aggiunge la previsione di un deficit 2010 di 79,8 mld e titoli a medio lungo in scadenza per 173,7 miliardi.

Per l'Italia Fitch prevede un deficit/pil nel 2010 a 5,2% e nel 2011 a 4,2%, mentre il debito/pil è a 118,1% e 119,5% rispettivamente.

Il rapporto dell'agenzia di rating, che prende in considerazione tutti i paesi della zona euro, vede complessivamente emissioni lorde nell'area per 2.200 miliardi di euro, che corrisponde al 19% del Pil complessivo. Una cifra superiore a quella del 2009, stimata dall'agenzia all'inizio del 2009 in 1.990 miliardi, ma che ora vede più vicina ai 2.120 mld, pari al 17% del Pil complessivo, dice il rapporto.

Sarà la Francia il paese che nel 2010 dovrà affrontare le emissioni lorde maggiori, secondo il rapporto di Fitch, con un ammontare di 454 miliardi di euro (377,8 mld nel 2009), pari al 25% del Pil francese, mentre la Germania dovrà emettere 386 miliardi di euro dopo i 287,7 mld del 2009.

Fitch inoltre sottolinea con preoccupazione il fatto che Francia e Germania nel 2009 abbiano fatto ricorso per circa la metà del loro indebitamento a titoli a breve termine, mentre Spagna e Portogallo per circa un terzo.

"L'incremento dello stock di titoli a breve termine è fonte di preoccupazione poichè incrementa il rischio sui debiti sovrani e in particolare li espone a shock di tassi di interesse".