Grecia si finanzierà sui mercati, non necessita aiuti-minFinanze

giovedì 21 gennaio 2010 10:45
 

ATENE, 21 gennaio (Reuters) - La Grecia non ha chiesto aiuto in campo finanziario e ha fiducia nella sua capacità di coprire le sue necessità di finanziamento nei prossimi mesi.

Lo ha dichiarato il ministro delle Finanze, mentre i mercati penalizzano anche stamane titoli di Stato e azionario ellenici.

"Non ci aspettiamo che qualcuno venga in nostro aiuto. La Grecia non l'ha chiesto e non si aspetta niente di simile" ha detto il ministro delle Finanze George Papaconstantinou parlando a una conferenza bancaria.

"Saremo in grado di soddisfare le nostre necessità di finanziamento sui mercati internazionali nelle prossime settimane e nei prossimi mesi, secondo le scadenze che abbiamo", ha aggiunto.

Il ministro ha detto anche che le previsioni macroeconomiche contenute nel piano di consolidamento fiscale della Grecia sono realistiche.

"Credo che lo scenario macroeconomico [del programma di stabilità] sia realistico" ha detto Papaconstantinou.

"La Grecia registrerà una recessione marginale nel 2010, mentre la ripresa diventerà evidente nella seconda parte dell'anno, per trasformarsi in tassi di crescita positiva nel 2011".

Stamane il differenziale di rendimento tra i titoli di Stato greci e tedeschi per la scadenza decennale è salito a 311 punti base, al massimo dall'ingresso di Atene nell'Unione monetaria a inizio 2001. Male anche il settore bancario: i titoli del comparto cedono il 3,9% nei primi scambi.

"Le banche sono sotto i riflettori dal momento che ci sono timori che la contrazione dell'economia porterà a una caduta degli utili e che l'allargamento degli spread crea timori sul funding degli istituti" commenta Takis Zamanis, capo dei trader a Beta Securuties.