Monetario, collocati in p/t 7 e 21 gg 63,7 mld, atteso drenaggio

martedì 19 gennaio 2010 12:15
 

MILANO, 19 gennaio (Reuters) - I due pronti contro termine Bce di oggi, 7 e 21 giorni, lasciano sostanzialmente invariato il quadro generale della liquidità, nell'ultimo giorno del periodo di mantenimento della riserva obbligatoria - e in attesa alle 15 dell'operazione di drenaggio Bce con tasso massimo 1%.

Come previsto non c'è stato nessun cambiamento significativo nell'ammontare dei fondi in circolazione, ma soltanto un leggero spostamento dalla settimana al mese: dei 60 mld in scadenza a sette giorni ne sono stati rinnovati soltanto 58. I due miliardi di differenza sono andati a posizionarsi sul p/t a 21 giorni, collocato per 5,739 miliardi a fronte di 2,655 in scadenza.

Poco variato rispetto alle ultime aste anche il numero degli istituti che chiedono fondi: solo 7 si sono presentati per il p/t a un mese, 101 in quello a una settimana.

"Un risultato perfettamente in linea con le attese", commenta un operatore. "Nel nuovo periodo rob i fondi in eccesso dopo le aste saranno sui 177 miliardi, dati gli importi collocati oggi da sommare al benchmark negativo per 114".

Dopo il drenaggio del pomeriggio, che dovrebbe interessare tra i 240 e i 260 miliardi, i depositi scenderanno verosimilmente sui 100 miliardi da 231,4 mld ieri sera.

Sul fronte dei tassi, a parte il terremoto passeggero di oggi in coincidenza con il fine-tuning, i dealer si aspettano che la situazione già nei prossimi giorni torni ferma sui livelli ormai consolidati.

L'overnight scambia tra lo 0,48 e lo 0,55% dallo 0,25/0,27% di ieri mentre l'Eonia, che è stato fissato ieri allo 0,328%, dovrebbe essere fissato stasera in quota 0,60-0,62%.

Ha aggiornato anche questa mattina i minimi il tasso Euribor a tre mesi, portandosi sullo 0,675% dallo 0,677% di ieri. Il differenziale con l'analoga scadenza sull'Eonia swap (fissata a 0,359%) scende leggermente a 31,6 da 31,9.

Sulla curva Euribor ancora fermo il contratto a marzo FEIH0 a 99,33, mentre scendono in modo impercettibile la scadenza a giugno FEIM0, a 99,055 (-0,03) e quella a settembre FEIU0 a 98,745 (-0,04).   Continua...