18 gennaio 2010 / 13:06 / 8 anni fa

PUNTO 2 - Mosaicon (Antichi Pellettieri), in settimana soluzione

(riscrive in parte con nuovi dettagli da fonti)

MILANO, 18 gennaio (Reuters) - Mosaicon, ex ApBags controllata da Antichi Pellettieri AP.MI, potrebbe in settimana, a metà o verso la fine, trovare la soluzione ai propri debiti, con la firma del piano di ristrutturazione.

Lo riferisce una fonte a conoscenza del dossier mentre un'altra, sempre vicina alla situazione, spiega che gli incontri tra advisor e società si susseguono, anche oggi ce n'è uno in programma.

E questo mentre la controllante della pelletteria, a sua volta controllata da Mariella Burani Fashion Group MBFG.MI, comunica ufficialmente che proseguono le trattative con le banche creditrici, finalizzate al raggiungimento di un accordo di ristrutturazione dell'indebitamento finanziario.

Antichi Pellettieri, si legge in un comunicato, ritiene che le trattative "dovrebbero concludersi in tempi ragionevolmente brevi".

Entrambe le fonti concordano sul fatto che la situazione di AP e di Mosaicon - società che conta fra i propri marchi Francesco Biasia, Mandarina Duck, Coccinelle, Braccialini - è migliore rispetto alla casa madre, una "situazione debitoria resa complicata e allungata dai problemi di Mariella Burani FG".

"Verso metà-fine settimana lo studio La Croce dovrebbe asseverare il piano di Mosaicon e quindi seguirà la firma. L'accordo con le circa 15 banche è stato sostanzialmente trovato. Seguirà poi la soluzione per Antichi Pellettieri. Le due società vanno avanti a prescindere da Mariella Burani FG", spiega una delle fonti.

A fine novembre il cda di Antichi Pellettieri aveva approvato le linee guida di un piano finanziario e industriale con un orizzonte temporale a medio/lungo termine avente ad oggetto anche il riscadenziamento della posizione debitoria e il riequilibrio della posizione finanziaria.

Secondo gli ultimi dati forniti dall'azionista Walter Burani, il debito di Antichi Pellettieri ammonta a 140,2 milioni.

Si trascinano invece da molto tempo le trattative delle banche con la controllante Mariella Burani per la ristrutturazione del proprio debito. Condizione posta dagli istituti per il via libera all'accordo è la concreta messa a disposizione da parte della famiglia Burani di 50 milioni al servizio della ricapitalizzazione del gruppo. Finora non c'è stata evidenza di queste risorse, tanto che Mediobanca ha interrotto il proprio mandato di advisory intercorso con MBFG a fine dicembre.

La famiglia Burani si è data come termine ultimo entro cui versare i 50 milioni il 12 febbraio prossimo. Oltre quella data per Mariella Burani FG potrebbe aprirsi la strada della liquidazione oppure dell'amministrazione straordinaria.

Una settimana fa la procura di Milano ha presentato presso il Tribunale del capoluogo lombardo istanza di fallimento di Burani Designer Holding (Bdh), controllante per via indiretta di Mariella Burani FG. La prima udienza è fissata per il 27 gennaio.

Il titolo Antichi Pellettieri - Standard 1 - ha chiuso in rialzo del 13% a 0,71 euro.

I clienti Reuters possono leggere il comunicato di Antichi Pellettieri in forma integrale cliccando su [ID:nBIA18779].

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below