January 12, 2010 / 1:03 PM / 8 years ago

PUNTO 1 - Cina alza coefficiente riserva obbligatoria banche

3 IN. DI LETTURA

(Aggiunge altri dettagli)

PECHINO, 12 gennaio (Reuters) - La Banca centrale cinese (Pboc) ha comunicato che verrà alzato il coefficiente di riserva obbligatoria delle banche di 0,5 punti percentuali.

La misura, effettiva dal prossimo 18 gennaio, rappresenta il segnale più chiaro giunto finora che la Pboc ha già iniziato il processo di restrizione della politica monetaria.

E' la prima volta che la Pboc rivede il livello dei fondi che le banche commerciali devono mettere a riserva, a garanzia dei passivi, dal dicembre 2008, quando il coefficiente fu ridotto nell'ambito della politica espansiva di quel periodo.

Molti sul mercato hanno pensato che la Cina potesse aumentare il coefficiente prima dell'incremento dei tassi di interesse, ma la mossa è giunta ben prima delle attese a causa dei timori che un nuovo balzo dei prestiti bancari si riversi nell'economia con troppa liquidità.

Secondo l'analista di Bank of China, Shi Lei, potrebbero verificarsi altri due o tre incrementi prima di giugno.

"L'incremento del coefficiente obbligatorio è un segnale forte che la Banca centrale sta realizzando sforzi per assorbire liquidità in eccesso", spiega l'analista. "L'incremento potrebbe drenare circa 200-300 miliardi di yuan dal mercato, ma ha bisogno di 700-800 miliardi", aggiunge.

L'incremento del coeffiente di riserva segue altri due misure di restrizione della politica monetaria prese dalla banca centrale.

La primo riguarda l'incremento del rendimento di titoli a un anno per 20 miliardi di yuan di 8 punti base all'1,8434% dopo che il rendimento è stato stabile nelle 20 aste precedenti. La banca ha inoltre drenato un record di 200 miliardi di yuan attraverso gli accordi di riacquisto del bond a 28 giorni assicurando un ritiro di fondi netti dal mercato questa settimana. Il primo aumento da giugno 2008 del coefficiente di riserva obbligatoria delle banche, dice, però, un funzionario della banca centrale, serve soltanto a stabilizzare la crescita dei prestiti e non riflette una stretta della politica monetaria.

"La nostra politica monetaria è ancora adeguatamente accomodante e la manovra è soltanto finalizzata a utilizzare strumenti quantitativi per un fine-tuning flessibile", ha detto il funzionario a Reuters chiedendo però di mantenere l'anonimato.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below