Fisco, Corte conti esprime dubbi su gettito da lotta evasione

lunedì 28 dicembre 2009 15:22
 

ROMA, 28 dicembre (Reuters) - La Corte dei conti critica il governo per le misure coperte con il gettito derivante dalla lotta all'evasione che può essere frutto di stime ottimistiche.

Nella relazione sulle coperture delle leggi varate tra maggio e agosto, la magistratura contabile mette in guardia infatti dal "rischio di coprire maggiori spese o minori entrate strutturali con maggior gettito frutto di quantificazioni ottimistiche e poco trasparenti e comunque non facilmente verificabili a consuntivo".

La Corte dei conti si sofferma soprattutto sul decreto fiscale di luglio, finanziato in buona parte dal contrasto all'evasione fiscale.

"Sussiste il problema dell'incertezza sugli effetti di gettito ascrivibili alla lotta all'evasione, a causa dell'assenza di affidabili meccanismi e metodologie di verifica a posteriori che consentano di distinguere con certezza l'effettivo recupero di evasione dagli effetti imputabili al ciclo economico o a fattori normativi o, anche, a meri errori di stima", si legge nella relazione.

Inoltre, la Corte avverte che le norme per il contrasto ai paradisi fiscali e lo scudo fiscale incidono sulla stessa base imponibile e sono quindi "legate tra loro da un rapporto di alternatività".