23 dicembre 2009 / 18:00 / 8 anni fa

SCHEDA - Tesoro, linee guida emissioni titoli di stato 2010

MILANO, 23 dicembre (Reuters) - Pochi ritocchi rispetto all‘anno che si chiude tra poco nelle linee guida del Tesoro per le emissioni del 2010, dopo i buoni risultati ottenuti nel 2009 pur percosso dalla crisi internazionale.

Tra le indicazioni da segnalare per il 2010 la previsione di un “moderato aumento delle emissioni dei Ctz in circolazione rispetto al 2009”, emissioni di Cct “tali da bilanciare le scadenze”, quelle per Btp 3/5/10 anni tali “da garantire esito soddisfacente e la liquidità”.

Quanto poi ai Btp a 15/30 anni il Tesoro si riserva “ampia flessibilità” su titoli e scadenze da emettere.

Infine per il capitolo emissioni in valuta, il Tesoro vede “emissioni di global bond in dollari per almeno 2 miliardi su uno o più punti curva nel 2010”.

Di seguito per punti i principali contenuti del documento che si può leggere sul sisto del Ministero all'indirizzo www.dt.tesoro.it/it/.

SCELTE DI EMISSIONE

“Saranno indirizzate a consolidare i risultati raggiunti in termini di esposizione al rischio di tasso e di rifinanziamento, in un quadro di contenimento del costo del debito nel medio periodo. Anche nel 2010, pertanto, larga parte delle emissioni continuerà ad essere rappresentata dai titoli in corso di emissione (cosiddetti titoli on-the-run). Quando le condizioni di mercato lo renderanno necessario ed in funzione della situazione di liquidità dei singoli titoli, il Tesoro si riserverà la possibilità di offrire anche titoli non più in corso di emissione (off-the-run)”.

BOT

”Le emissioni dei Bot continueranno ad essere condotte sulle scadenze tradizionali di 3, 6 e 12 mesi. Annuali e semestrali verranno offerti con regolarità, rispettivamente a metà e alla fine di ogni mese, e gli importi verranno determinati in funzione della domanda e delle condizioni di mercato.

I titoli trimestrali, così come i flessibili, saranno offerti sfruttando pienamente l‘elasticità dello strumento in relazione alle esigenze di cassa”.

CTZ

”A fronte di un volume in scadenza pari a quasi 30 miliardi di euro, superiore a quello del 2009 per oltre 5 miliardi di euro, il Tesoro offrirà al mercato volumi che dovrebbero portare il totale in circolazione in moderata crescita rispetto alla fine dell‘anno in corso.

Verrà garantita piena regolarità alle aste di fine mese, dove anche nell‘anno che sta per chiudersi si è assistito ad un forte interesse da parte sia di investitori istituzionali domestici che di importanti player internazionali”.

CCT

“Nel 2010 giungono a scadenza circa 37,7 miliardi di euro di CCT, un volume inferiore al 2009, anno durante il quale lo stock dei CCT in circolazione è stato ridotto significativamente. Complessivamente le emissioni saranno tali da bilanciare sostanzialmente le scadenze dell‘anno”.

BTP 3,5,10 ANNI

”Verrà garantita completa regolarità alle aste dei BTP a tre e a dieci anni, offerti nei collocamenti di fine mese, mentre il BTP a 5 anni sarà proposto nelle aste di metà mese.

Nella scelta degli importi offerti nelle aste mensili verranno valutate attentamente le condizioni di mercato... In partcolare per il comparto a dieci anni, lo sviluppo del volume di circolazione di ogni titolo durante il programma delle aste verrà anche gestito in modo da contribuire all‘efficienza del contratto future recentemente introdotto”.

BTP 15 e 30 ANNI “Il settore dei BTP a lungo termine avrà un‘importanza strategica per la politica di emissione del 2010.... Nel proporre queste emissioni il Tesoro si riserva ampia flessibilità nella scelta della scadenza da emettere nelle aste di metà mese, quando potranno essere riaperti anche titoli off-the-run a lungo termine. ...il Tesoro potrà lanciare anche nuovi titoli mediante sindacati di collocamento”.

BTPEI

”La politica di emissione dei BTPei si porrà in continuità con quella degli anni scorsi, mediante collocamenti di norma mensili via asta o via sindacato.

Sia nel caso di un solo titolo che in quello con più titoli, a differenza degli scorsi anni, il Tesoro annuncerà, analogamente ai titoli nominali, un intervallo di volumi in offerta all‘interno del quale verrà fissato discrezionalmente il prezzo marginale e la conseguente quantità allocata per ogni singolo titolo.... La strategia del Tesoro sul comparto sarà volta a consolidare la quota di tali titoli nello stock del debito”.

CONCAMBIO E BUYBACK

“Nel 2010, come negli scorsi anni, il Tesoro potrà ricorrere alle operazioni di concambio e riacquisto per gestire il rischio di rifinanziamento, rimodulando il profilo delle scadenze e favorendo al contempo la liquidità e l‘efficienza del mercato secondario dei titoli di Stato”.

PROGRAMMA GLOBAL BENCHMARK IN DOLLARI USA

“Nel corso del prossimo anno, il Tesoro, compatibilmente con le condizioni dei mercati finanziari, della domanda e della convenienza economica, continuerà a mantenere la propria presenza sul mercato del dollaro, con emissioni in formato Global, di ammontare pari ad almeno 2 miliardi di dollari USA, su uno o più punti della curva dei rendimenti”

PROGRAMMA MEDIUM TERM NOTE

“Per le emissioni non ‘domestiche’, in euro o in altre valute, continuerà ad essere utilizzato nel corso del 2010, sia in formato pubblico sia tramite i piazzamenti privati, qualora se ne presenti l‘opportunità. Questo programma tende a soddisfare la domanda proveniente principalmente da investitori istituzionali. L‘opportunità di emissioni sarà valutata in relazione alle condizioni di mercato”

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below