Monetario, crescono depositi e prestiti, lieve rialzo settimana

mercoledì 23 dicembre 2009 12:40
 

MILANO, 23 dicembre (Reuters) - Nuova seduta all'insegna della distensione sul mercato interbancario, in cui l'unica frazionale tensione si fa sentire sui depositi a una settimana con valuta 2010.

L'eccesso di liquidità ancora a disposizione del sistema, insieme a qualche difficoltà nella distribuzione dei fondi, si riflette intanto in un nuovo aumento del ricorso alle cosiddette 'standing facilities', depositi e prestiti marginali concessi dalla Bce della durata di un giorno.

Aggiornate a questa mattina, le statistiche di Francoforte evidenziano un incremento di oltre un miliardo di euro a quota 139,832 per i depositi marginali, mentre i prestiti a 1,75% sono passati ieri sera a 3,784 miliardi rispetto ai 116 milioni di lunedì.

Prosegue nel frattempo gradualmente la flessione dei tassi Euribor, con il nuovo minimo record della scadenza trimestrale a quota 0,708% e i sei mesi a 0,992%.

Si muove in controtendenza la settimana, primo contratto a regolamento sull'anno nuovo che risale al massimo da luglio di 0,412% rispetto allo 0,367% del fixing londinese di ieri.

"Un movimento davvero contenuto, come quello dei depositi" commenta un operatore in merito al periodo della settimana in area 0,45/50% sul Mid e 0,38/48% sugli schermi dei broker esteri.

"La liquidità è talmente abbondante che credo non vedremo neanche quest'anno le tensioni che fino a qualche tempo fa caratterizzavano i giorni del cosiddetto 'scavallo' d'anno" aggiunge il tesoriere.

Sostanzialmente invariato ieri sera, il saldo del sistema bancario Uem dovrebbe vedere questa sera una risalita di circa sei miliardi alla luce del regolamanto del pronti termine Bce di ieri, determinando un nuovo accumulo di numeri neri.

Sulla strip Euribor intorno alle 12,15 il futures marzo FEIH0 risale di 15 millesimi a 99,23, mentre giugno FEIM0 guadagna un centesimo a 98,93 e settembre FEIU0 15 millesimi a 98,62.   Continua...