Monetario disteso dopo p/t Bce, resta ampia eccedenza fondi

martedì 22 dicembre 2009 12:12
 

MILANO, 22 dicembre (Reuters) - Situazione distesa e livello di liquidità ancora decisamente eccessivo sull'interbancario, che accoglie senza scosse il nuovo rifinanziamanto Bce a sette giorni al tasso fisso di 1%.

Con la consueta operazione settimanale l'istituto centrale di Francoforte ha assegnato 58,575 miliardi di euro, accogliendo interamente le richieste pervenute da 109 banche, a fronte dei 52,899 miliardi che rientrano domani, giorno di valuta dell'asta odierna.

Per il sistema creditizio dei sedici paesi euro l'asta equivale dunque a un'iniezione netta di 5,676 miliardi di nuovi fondi - "tutta liquidità in eccesso", commenta un operatore.

Contestualmente al risultato del pronti contro termine la banca centrale ha inoltre corretto a -194,5 dai -220,5 miliardi della stima di ieri l'importo 'benchmark' per l'asta odierna, portando inoltre da 377,5 a 382,5 la proiezione sui fattori autonomi per il periodo 21/29 dicembre.

"E' vero che la stima sui fattori è stata aggiustata decisamente al rialzo e che ci stiamo avvicinando alla fine dell'anno, fase spesso delicata per le esigenze di liquidità, ma il livello dei fondi è ampiamante in eccesso come dice il nuovo accumulo di numeri neri e dei depositi marginali" spiega un tesoriere.

A dispetto della nuova discesa del saldo il sistema ha infatti a disposizione numeri a credito per oltre 515 miliardi, mentre l'utilizzo dei depositi overnight remunerati allo 0,50% - dicono le statistiche quotidiane Bce - aumentato di quasi due miliardi a 138,403 miliardi.

"A meno di qualche imprevista distruzione a cavallo del fine anno, di questo passo continueranno a crescere sia i numeri neri sia i depositi" conclude l'operatore.

Prosegue intanto ininterrotta la lenta discesa dei tassi Euribor, tornati a inanellare minimi record una seduta dopo l'altra come oggi il tre mesi a 0,708%.

Sulla strip Euribor intorno alle 12 il futures marzo FEIH0 è stabile a 99,22, mentre giugno FEIM0 cede un centesimo a 98,92 e settembre FEIU0 perde 15 millesimi a 98,61.   Continua...