Sisma, contributo case al 100%, Stato potrà subentrare nei mutui

mercoledì 13 maggio 2009 15:11
 

ROMA, 13 maggio (Reuters) - Lo Stato garantirà la ricostruzione delle case distrutte dal terremoto in Abruzzo al 100%.

Lo si legge in uno degli emendamenti che il governo ha depositato oggi al decreto legge Abruzzo, in corso di esame al Senato.

"Il contributo [...] è determinato in modo da coprire integralmente le spese occorrenti per la riparazione, la ricostruzione o l'acquisto di un alloggio equivalente", si legge nel testo dell'emendamento, che conferma quanto dichiarato la scorsa settimana dal presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi.

Un altro emendamento prevede che lo Stato possa subentrare nei mutui delle persone che hanno subito danni dal terremoto "per un importo non superiore a 150.000 euro nel debito derivante da finanziamenti preesistenti garantiti da immobili adibiti ad abitazione principale distrutti, con la contestuale cessione alla Fintecna, ovvero alla società controllata e da essa indicata, dei diritti di proprietà sui predetti immobili".

Entro tre anni dalla entrata in vigore della legge di conversione, i Comuni potranno riacquistare da Fintecna gli immobili.

Inoltre, il pacchetto di emendamenti prevede che i sindaci dei comuni colpiti dal sisma, d'intesa con il presidente della Regione Abruzzo, predispongano "piani di ricostruzione del centro storico delle città definendo le linee di indirizzo strategico per assicurarne la ripresa socio-economica e la riqualificazione dell'abitato, nonché per facilitare il rientro delle popolazioni sfollate".