13 febbraio 2009 / 11:28 / 9 anni fa

PUNTO 1-Ammortizzatori,governo annuncia accordo Regioni da 8 mld

(cambia titolo e lead, aggiunge dichiarazioni)

ROMA, 13 febbraio (Reuters) - Il governo ha stretto dopo una lunga trattativa un accordo con le Regioni per mettere a disposizione degli ammortizzatori sociali un totale di 8 miliardi di euro.

Lo ha annunciato il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi in una conferenza stampa a palazzo Chigi.

"Comunichiamo con orgoglio e soddisfazione, al termine di un mese di confronto politico serrato, che goveno e Regioni hanno raggiunto un accordo per una bella somma di 8 miliardi di euro da destinare agli ammortizzatori nella consapevolezza che il momento è difficile", ha detto il presidente del Consiglio.

Il premier ha precisato che la somma sarà disponibile "ove ce ne fosse bisogno" e che l'intesa è su tre temi: "Ammortizzatori sociali in deroga, attivazione del Fas ed esclusione dal patto di stabilità degli investimenti connessi ai fondi comunitari".

Sia Berlusconi che il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, hanno riconosciuto il ruolo propositivo delle Regioni che ha consentito il raggiungimento dell'accordo. "Noi tutti dobbiamo riconoscere il ruolo fortemente costruttivo, dialettico, e nell'interesse nazionale, svolto dalle Regioni e dalla loro presidenza", ha detto Tremonti nella conferenza stampa che si è svolta subito prima del Consiglio dei ministri.

Il ministro dell'Economia ha ammesso che "soldi c'erano già in bilancio, noi non neghiamo questa evidenza. L'azione del governo è stata quella di focalizzarli su una strategia nuova... andremo avanti su questa strada".

Il ministro degli Affari regionali, Raffaele Fitto, dettagliando il piano, ha spiegato che gli 8 miliardi sono disponibili nel biennio 2009-2010 per la erogazione degli ammortizzatori sociali in deroga, cioè per tutti i lavoratori dipendenti e altre figure attualmente non coperte dalla cassa integrazione. Il governo tuttavia non ha fornito dettagli sulla platea.

Lo Stato mette a disposizione 5,350 miliardi di cui 1,4 mld previsti in Finanziaria nel capitolo di competenza del ministero del Welfare e 3,950 mld dalla legge 133 della scorsa estate (recupero da altre voci di spesa, soprattutto dalla 488) e dal fondo per le aree sottoutilizzate di competenza nazionale. Alle Regioni tocca un contributo di 2,650 mld a valere sui programmi regionali Fse.

Per quanto riguarda l'accordo sul Fas, il governo si impegna ad approvare al Cipe, entro 15 giorni dalla stipula dell'accordo, la ripartizione di oltre 27 miliardi di Fas a favore delle Regioni; a varare i programmi regionali dei Fas già presentati dalle Regioni; a individuare a partire dal 2011 le risorse necessarie ristorare il taglio del Fas operato in questi mesi sulla quota regionale (1,3 miliardi); a reintegrare le Regioni delle risorse Fas disimpegnate per mancato utilizzo.

Illustrando la strategia governativa, Tremonti ha detto che "i governi devono fare i governi. Compito dei governi è definire una struttura di coesione sociale, solidarietà e sicurezza ed è quello che il governo sta facendo. Sono cose normali ma farle in un tempo non normale come questo di crisi profonda, è come fare cose straordinarie. Garantiamo sicurezza, pensioni, e in questa fase potenziammento ammortizzatori sociali".

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below