Btp poco variato, domanda brillante aste, spread torna sotto 100

giovedì 13 novembre 2008 13:36
 

 MILANO, 13 novembre (Reuters) - Sul mercato secondario dei
Btp le aste di oggi sui titoli a medio lungo hanno visto una
domanda piuttosto buona, dovuta per lo più a necessità di
ricoperture, dicono i dealer, con prezzi anche più alti rispetto
alle quotazioni di mercato.
 In generale il mercato è poco variato rispetto a ieri, visti
anche i movimenti delle borse della mattinata, dominato da
considerazioni generali circa il rallentamento economico
generale. Il Pil tedesco ha mostrato stamane un calo nel terzo
trimestre dello 0,5%, contro attese di -0,2%, portando
l'economia tedesca nella prima recessione tecnica da metà 2003.
 Lo spread di rendimento tra il Btp agosto 2018 e il nuovo
benchmark bund gennaio 2019 a metà seduta è a 95 pb, anche se ha
visto in mattinata un allargamento fino a 101 pb. Ieri il
confronto tra il rendimento del Btp agosto 2018 e quello sul
Bund luglio 2018 aveva visto un massimo a 104 punti base prima
di riportarsi in chiusura attorno ai 95 pb.
 ASTE BEN RICHIESTE, PREZZI SOPRA MERCATO SU 2013 E 2039
 Le aste di oggi hanno visto una domanda piuttosto buona, a
differenza di quel che è accaduto all'asta di ieri sul nuovo
bund decennale, con scadenza gennaio 2019, collocato per soli
4,9 miliardi, contro i 7 miliardi proposti.
 I dealer dicono che il successo alle aste italiane, da una
parte, è dovuto al fatto che "c'era molto corto in giro,
soprattutto sui due titoli vecchi, come si vedeva dalle
quotazioni sul mercato dei repo e quindi l'asta è servita, come
era nelle intenzioni del Tesoro, come occasione per ricoprirsi".
 Dall'altra, "il prezzo sul mercato era sceso nelle ore
precedenti all'asta, cosa che non era accaduta ieri per il
titolo tedesco, il che ha reso l'asta più appetibile".
 Nel dettaglio, i dealer dicono che il Btp 2013 ha visto un
prezzo di circa 10 centesimi sopra quello indicato dal mercato
al momento della chiusura dell'asta, il che significa circa 2,5
punti base in meno in termini di rendimento, e altri acquisti al
rialzo sono arrivati anche nel post-asta. 
 In linea con il mercato invece è risulato il prezzo del Btp
2017, mentre quello del 2029 ha visto un prezzo di circa 10
centesimi superiore al mercato, che significa in termini di
rendimento circa mezzo punto base in meno.
 Il Btp 2039 è stato richiesto per 2,178 mld contro
un'offerta di 1,417 mld con un bid-to-cover di 1,53. 
 I due Btp 2013 e 2037, hanno visto una domanda complessiva
di 5,945 mld su un'offerta complessiva di 3,5 mld (il margine
superiore dello spread ipotizzato inizialmentre atr 2,5 e 3,5
mdl) con un bid-to-cover di 1,7.
 Quanto ai rendimenti, quello del 2039 ha visto un rialzo al
5,28%, che rappresenta il massimo dopo il 5,76% visto nel maggio
2002.
 
====================== QUOTAZIONI 13,15 =======================
                                  PREZZI    VAR.   RENDIMENTO
FUTURES BUND DICEMBRE    FGBLZ8    118,46   (inv.)  
BTP 2 ANNI (AGO 10)     IT2YT=TT  *102,20   (-0,06)     3,181%
BTP 10 ANNI (AGO 18)   IT10YT=TT    98,90   (-0,21)     4,695%
BTP 30 ANNI (FEB 37)   IT30YT=TT    83,01   (-1,09)     5,214%
======================== SPREAD (PB) ===========================
                                          CHIUSURA PRECEDENTE
TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5      0                  0
BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3     94                 87
BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5     95                 95
BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7     92                 87
BTP 2/10 ANNI*                     151,4               152,1 
BTP 10/30 ANNI                      51,9                46,1
=================================================================    
 * quotazioni tratte dagli schermi Reuters sul 2 anni che non
ha registrato alcuno scambio su Mts.