Btp tonici ma aste frenano rialzo, spread con Bund in area 60 pb

mercoledì 13 agosto 2008 17:32
 

 MILANO, 13 agosto (Reuters) - Il secondario italiano chiude
in positivo una seduta rialzista ma caratterizzata da scambi
molto rarefatti e da una tendenza all'ampliamento da parte dello
spread fra i rendimenti dei decennali di riferimento.
 "Il mercato è rialzista ma i titoli appaiono comunque sotto
pressione per via delle emissioni. L'asta di oggi ad esempio...
erano anni che non si teneva un'asta italiana di metà agosto"
dice un trader. 
 Il Btp 5 anni 15 aprile 2013, collocato oggi per 2,5
miliardi, ha registrato un rapporto domanda-offerta pari a 1,45
contro 1,39 dell'asta precedente. Il rendimento è stato del
4,46%, al minimo da maggio scorso, quando si era attestato a
4,29%. Il prezzo a 99,30 da 97,49 dell'asta di luglio.
 "Va anche detto che il clima è assolutamente estivo, non
tutti i titoli hanno scambiato oggi su Mts, e quelli che hanno
scambiato, lo hanno fatto per un ammontare scarso" dice ancora
il trader.
 Il titolo di riferimento a dieci anni, ad esempio, su Mts
non scambia da ieri. 
 La migliore performance del mercato tedesco ha determinato
un ampliamento dello spread a 60 punti base, livello massimo
dallo scorso 18 luglio.
 "Vedo lo spread fra i decennali in area 60 punti base. Si è
ampliato rispetto alle ultime sedute, complice in primo luogo
l'incertezza economica che favorisce i 'core'" dice ancora il
trader.
 La produzione industriale della zona euro, pubblicata
stamane, è infatti risultata peggiore delle attese, mostrando
per giugno un andamento piatto rispetto al mese precedente a
fronte di stime per +0,1%. Su base tendenziale il dato ha
riportato una contrazione dello 0,5% contro stime per +0,2%.
 A favorire il mercato tedesco, secondo un altro trader,
concorre anche l'estrema volatilità del mercato che
tradizionalmente penalizza i periferici e il buon esito
dell'asta Bund.
 "L'asta del Btp 5 anni è uscita in linea col mercato, con un
bid-to-cover leggermente migliore della volta scorsa. Ritengo
sia andata decisamente bene invece l'asta del Bund decennale che
ha dato spunto alla curva tedesca, avvantaggiata anche dal clima
di incertezza e volatilità che regna sugli scambi, che favorisce
i 'core' rispetto ai periferici" dice ancora il trader.
 Il Bund decennale ha registrato un bid-to-cover pari a 1,8
da 1,1. "Un deciso miglioramento" secondo il trader.
 Il titolo è stato collocato per 4,849 miliardi a un tasso
medio di 4,24%.
 Dati Usa migliori delle attese hanno brevemente determinato
un ripiegamento del futures sul decennale Bund che poi è però
tornato in rialzo, con il rendimento dello Schatz che ha rotto
al ribasso la soglia del 4,00% per la prima volta da metà
maggio, toccando il 3,99%. 
 Un certo ampliamento mostra quindi rispetto a ieri anche il
differenziale fra i titoli di riferimento a due anni italiano e
tedesco.
 
===================== QUOTAZIONI 17,30 ==========================
                                  PREZZI    VAR.   RENDIMENTO
FUTURES BUND SETTEMBRE    FGBLU8   114,00   (+0,20)
BTP 2 ANNI (AGO 10)     IT2YT=TT   100,42   (+0,09)     4,312%
BTP 10 ANNI (AGO 18) * IT10YT=TT    98,09   (+0,17)     4,799%
BTP 30 ANNI (FEB 37)   IT30YT=TT    83,40   (+0,47)     5,178%
======================== SPREAD (PB) ===========================
                                           CHIUSURA PRECEDENTE
TREASURY/BUND 10 ANNI   YLDS5     27                22 
BTP/BUND 2 ANNI         YLDS3     31                27
BTP/BUND 10 ANNI        YLDS5     60                58
BTP/BUND 30 ANNI        YLDS7     55                56 
BTP 2/10 ANNI                       48,7              43,7
BTP 10/30 ANNI                      37,9              38,9
===============================================================
 
 * Dati da schermi Reuters, su Mts il titolo non risulta
ancora scambiato