PUNTO 1 - Francia pronta a garantire 300 miliardi debito banche

lunedì 13 ottobre 2008 13:37
 

(riscrive aggiungendo dettagli)

PARIGI, 13 ottobre (Reuters) - Secondo l'edizione odierna di 'Le Monde', la garanzia dello Stato francese per il rifinanziamento del sistema bancario avrà un tetto di 300 miliardi di euro.

Sempre come scrive il quotidiano il piano, il cui via libera dovrebbe arrivare dal consiglio dei ministri del primo pomeriggio, prevede la creazione di un primo apposito veicolo per il rifinanziamento degli istituti di credito e di un secondo che deterrà in portafoglio eventuali partecipazioni dirette dello Stato nel capitale delle banche.

La messa a punto del nuovo intervento segue il vertice straordinario di ieri a Parigi in cui i capi di Stato dell'Eurogruppo si sono impegnati a venire in aiuto delle banche nazionali in difficoltà garantendone il debito e mettendo a disposizione iniezioni di capitale ove necessario.

In vigore fino a fine 2009, la garanzia pubblica sul debito dovrebbe permettere la ripresa del mercato interbancario, la cui quasi completa paralisi è la causa principale dell'aggravarsi della crisi finanziaria delle ultime settimane.

I veicoli speciali la cui creazione verrà a breve annunciata dovranno andare a reperire capitali su mercato con la garanzia dello Stato, in modo da finanziarsi per conto delle banche a un costo più conveniente.

Gli istituti di credito offriranno a propria volta come garanzia attivi giudicati sani, come prestiti immobiliari e crediti alle imprese, che non sono però accettati dalla Banca centrale europea come collaterale dei classici finanziamenti.

Lo Stato si farà remunerare dalle banche che fanno ricorso alla società veicolo.

Il piano si ispira a quello varato per il salvataggio di Dexia (DEXI.BR: Quotazione), caratterizzato in un primo tempo da una partecipazione di Bruxelles e Parigi alla ricapitalizzazione dell'istituto, seguita dalla garanzia dei due paesi sulle nuove obbligazioni targate Dexia.