Intesa Sanpaolo, Guzzetti "sereno" riguardo a rapporti tra soci

lunedì 12 ottobre 2009 13:09
 

MILANO, 12 ottobre (Reuters) - Il presidente di Fondazione Cariplo, Giuseppe Guzzetti, si dice "sereno" in merito ai rapporti tra i soci di Intesa Sanpaolo (ISP.MI: Quotazione).

"Io sono sereno", ha detto a margine della celebrazione dei 18 anni della Fondazione. I rapporti tra i soci di Intesa Sanpaolo, in particolare tra la componente torinese dell'azionariato rappresentata da Compagnia di San Paolo, e quella milanese, sono finiti sotto la lente dopo le recenti dichiarazioni del sindaco Sergio Chiamparino che ha chiesto che all'interno dell'istituto sia garantito l'equilibrio tra Torino e Milano.

Nel consiglio di sorveglianza del 29 settembre scorso che ha deciso la non adesione ai Tremonti bond, secondo i quotidiani, si sarebbero inoltre astenuti i due componenti della Compagnia San Paolo.

Sul rinnovo dei consigli di gestione e sorveglianza, in scadenza la prossima primavera, Guzzetti ha fatto notare che "mancano sei mesi" a chi gli chiedeva se se ne stesse già parlando.

Il presidente della Fondazione Cariplo ha poi rimarcato come l'ente abbia già dimostrato "un comportamento responsabile" quando Intesa Sanpaolo ha annunciato che non avrebbe distribuito un dividendo per il 2008.

"Quando la banca ha detto che non dava dividendo con l'obiettivo di essere più patrimonializzata noi abbiamo detto che andava bene", ha spiegato.

Attualmente l'ipotesi di un aumento di capitale per rafforzare il patrimonio "non è prevista, anzi c'è la ragionevole previsione di tornare al dividendo", ha aggiunto. "Comunque, nel caso ci fosse bisogno, ci comporteremo responsabilmente come hanno fatto le altre fondazioni".

Guzzetti ha ricordato che la mancata erogazione di dividendi sul 2008 ha significato per la Fondazione Cariplo 200 milioni di euro di mancato incasso, con ricorso al fondo di stabilizzazione per 113 milioni.

"Nel 2009 speriamo di farcela", ha concluso.