Monetario, o/n in linea con Eonia ieri, verso liquidità neutra

venerdì 12 giugno 2009 11:43
 

MILANO, 12 giugno (Reuters) - Il deposito giorno a giorno lavora fra 0,70% e 0,80%, in linea con la media Eonia registrata ieri in un mercato ancora tranquillo, mentre i derivati sui tassi Euribor si sintonizzano all'andamento positivo dei Bund sull'incertezza delle borse.

Il ricorso progressivamente più moderato ai depositi overnight presso la Banca centrale europea - ieri scesi ad un minimo degli ultimi otto mesi e mezzo a 7,666 miliardi - pur tipico dell'inizio di periodo, rappresenta un'ulteriore conferma del ridimensionamento della liquidità in eccesso nel sistema.

"La riduzione sempre maggiore dell'utilizzo delle deposit facilities potrebbe essere sintomo di due cose: c'è più fiducia, come è evidente anche dalla minore domanda sul tre-sei mesi, e quindi si preferisce restare flessibili e calibrare meglio con la liquidità a breve, oppure che la liquidità circola di più sul mercato", spiega un tesoriere, che propende più per la prima spiegazione.

Le transazioni sull'interbancario ieri sono state infatti contenute e pari a 25,891 miliardi di euro, mentre la media Eonia EONIA= è tornata a scendere a 0,788% dopo essere risalita a 0,797% il giorno precedente.

"Mi aspettavo che l'Eonia salisse perchè siamo verso liquidità neutra: se vengono rinnovati 8 miliardi di deposit facilities settimana prossima saremo con numeri solo marginalmente positivi", osserva il tesoriere.

Due le possibili spiegazioni delle attuali condizioni di liquidità: siamo passati da una strategia di "front loading" (quando le banche accumulano numeri in anticipo rispetto alla chiusura del mese rob) ad una di "back loading", dove si approfitta delle ultime due aste del periodo per accumulare numeri creditori; oppure le banche aspettano l'asta che si svolgerà il 24 giugno per approvvigionarsi ad un anno, "anche perchè il full allotment è garantito dalla Bce solo fino al 31 dicembre", spiega il tesoriere.

Parallelamente, il premio al rischio risale leggermente rispetto ad una settimana fa: il differenziale fra l'Euribor a tre mesi EURIBOR3MD= (oggi all'1,268%) e l'Eonia swap EONIAINDEX3M= (oggi allo 0,790%) si riallarga a circa 48 dai circa 43 di venerdì scorso.

Intorno alle 11,40, sulla strip dei derivati Euribor, la scadenza a settembre FEIU9 viaggia in rialzo di 0,020 a 98,760. Dicembre FEIZ9 avanza di 0,030 a 98,590 e marzo 2009 dello 0,040 a 98,395.

Ulteriori dettagli sulla liquidità in Europa e in Italia alle pagine Reuters ECB40 e BITS.