JPMorgan, da luglio perdite per 1,5 mld dlr, pesano svalutazioni

martedì 12 agosto 2008 13:49
 

NEW YORK, 12 agosto (Reuters) - La banca di investimenti statunitense JP Morgan (JPM.N: Quotazione) ha subito perdite per 1,5 miliardi di dollari da luglio a questi giorni, danneggiata dalle turbolenze nel mercato del credito e dei mutui, dagli spread del credito più ampi e da livelli più bassi di liquidità, secondo quanto ha detto ieri la società in un comunicato.

JPMorgan ha riferito che le condizioni di trading si sono "sostanzialmente deteriorate" nel terzo trimestre rispetto a quelle del secondo e che gli spread sui titoli legati ai mutui e ai prestiti si sono "bruscamente ampliati". Le perdite stimate escludono le attività di hedging, ha specificato la società.

La terza più grande banca degli Stati Uniti ha dovuto procedere alla svalutazione dei suoi 33 miliardi di dollari di titoli legati ai mutui con i prezzi che hanno continuato a scendere a luglio, ha scritto il Financial Times nella sua edizione di oggi, citando persone vicine alla società.

Al 30 giugno JPMorgan aveva un'esposizione ai mutui prime e Alt-a complessivamente di 19,5 miliardi di dollari, ai mutui subprime per 1,9 miliardi di dollari e ai titoli Cmbs per 11,6 miliardi.

"Tali esposizioni ai mutui potrebbero essere colpite negativamente da un peggioramento delle condizioni del mercato, da un ulteriore deterioramento del mercato immobiliare e da un'attività di mercato che rifletta venditori sotto pressione", ha detto la società.